Differenze tra le versioni di "Luigi Tansillo"

1 619 byte aggiunti ,  10 anni fa
''La balia''
(link)
(''La balia'')
*'''FILAUTO''': ''Così cieco son io; | Poiché l'almo Sol mio qui non riluce: | Ma di sue nove luci ha il Cielo adorno | Facendo il breve giorno eterna notte...''
 
==''La balia''==
===[[Incipit]]===
''[[Donna|Donne]] ben nate, i cui bei colli preme | Quel santissimo giogo d'Imeneo, | Onde buon frutto spera ogni uman seme; | Se già mai vede io desiai d'Orfeo,(Com'uom che in cor di fera pietà, brami) Mentre prigion di donna Amor mi feo ; Oggi, bench'io sia fuor di quei legami, Più che mai desiarla mi bisogna: Ch'esser, Donne, non può, ch'io pur non ami | Amo, ma d'uno amor, che non agogna | Cosa di reo; ne m'arde di desìo | Che porti pentimento, né vergogna''.<br />''The Nurse'' | ''Accomplish'd Dames, whose soft consenting minds | The rosy chain of willing Hymen binds! | If e'er one prouder wish my bosom felt | By magic strains the list'ning soul to melt, | (Mov'd by such strains the woodlands Orpheus drew) | That wish inspires me whilst I sing to you. | —What tho' the pleasing bonds no more I prove, | I own your charms, nor e'er shall cease to love ; | Not with such love as feeds a wanton flame, | —Attended close by penitence and shame!''
===Citazioni===
*''Che porti Donna nove mesi, o diece | In ventre il parto; e poichè a luce è tratto, | Lo schifi, ed altra prendalo in sua vece. | Quando io penso a sì crudo, orribil atto; E che dai più miglior più s' abbia in uso, | Ne son per divenir rabbioso, o matto''.<br /> (p. 8)
*Che alproprio figlio il petto altrui procacci | E'l suo gli chiuda e mandilo in disparte, | Par, che'n pensarvi il sangue mi si agghiacci. (p. 10)
{{NDR|Luigi Tansillo, ''The Nurse'' (''La balia''), traduzione di [[William Roscoe]], The Third Edition, Printed by J. M'Creery, for Cadelland Davis, Liverpool 1804Cald}}
==Citazioni su Luigi Tansillo==
*Il Tansillo, vissuto da fanciullo a corte, aveva conservato il pudore; cosa difficile sempre, difficilissima e quasi impossibile in quell'età di poeti cortigiani e scrocconi. Ed è bello il vedere il nostro poeta resistere alle tentazioni, ed ai suggerimenti di quello [[Pietro Aretino|Pietro Bacci]], che i contemporanei non si vergognarono di chiamare il divino; e di scusarsi quasi del non sapersi acconciare alla turpe usanza della scrocconeria. ([[Francesco Fiorentino]])
15 808

contributi