Differenze tra le versioni di "Luigi Tansillo"

1 348 byte aggiunti ,  10 anni fa
''I due pellegrini''
(citazioni)
(''I due pellegrini'')
*Sig. Mio. La bontà della S. V. è pur troppo grande, poichè sotto titolo di gratitudine usa meco tanti officii et segni d'amorevolezza, li quali non sono altro, nè hanno altra fonte d'onde derivare, che sua pura et mera cortesia. Sia quel che si voglia, io mi glorio et mi rallegro di questa nova amicitia (nova in quanto alle dimostrationi esteriori, chè nell'animo sempre l'hebbi), più che di cosa prospera, che di molti anni m'avenisse, et ne ringratierò sempre il Passero, et più nel ringratierei, s'egli mi desse altre occasioni di far servitio a V. S., poichè da me stesso non le ho. (Di Gajeta, a' 27 di aprile del 62.)
*Quel ch' io vorei hora si è che V. S. impetrasse da Sua Santità la spedition d'un breve, del quale io mando la sostantia, o d'un tale simile, tal che ad un tempo stesso io venissi ad esser assoluto et honorato. Et questo si vorebbe trattar senza metter la cosa in riputatione. Ho tanta fede nella bontà vostra, et nella volontà che '1 papa vi tiene meritamente, che tengo certo che se V. S. medesma cerca questa gratia senza tante cerimonie, l'ottenerà, et tanto più impiegandosi in persona d'un homo da bene... (Di Gaieta, a' 23 di settembre del 62)
 
==''I due pellegrini''==
===[[Incipit]]===
'''FILAUTO''': ''Già fi raddoppia il dì ch'io vò smarrito, | Mercè del piè, che mi conduce in via. | Dove vetigio human trova | Sapessi almen dove mi vada,o sia? | Ecco un che và solingo, e fuor di srada: | Forse di me il Ciel l'invia: | Pria che l'ombro fa notte qui m'invada | Vò dimandar s'albergo è di vicino | Dove le stanche membra à gittar vada. | Chiunque sei del loco; ò Peregrino, | Tu ch'il piè movi si pensoso, e vago. Quelche cerchi, t'apporti il tuo destino''.<br />'''ALCINO''': ''Apportimi, che vuol, ch'io sol m'appago | Col pianger mio; ne mi potrà far lieto | Quanto in mill'anni volge l'aureo Tago''.<br />'''FILAUTO''': ''Lasso onde sei si mesto e inquieto ? | Huom più miser di me non vide il Sole. | Pur con l'altrui parlar spesso m'acqueto''.<br />'''ALCINO''': ''Deh per Dio non voler con tue parole | Al mio soverchio duol porgere aumento, | Basti ch'il soffro, e non sia men che sole''.
===Citazioni===
*'''ALCINO''': ''Peregrino son io come tu sei | Ch'abborrendo Città di patrie genti | Trapasso di mia vita i giorni rei''.
*'''FILAUTO''': ''Così cieco son io; | Poiché l'almo Sol mio qui non riluce: | Ma di sue nove luci ha il Cielo adorno | Facendo il breve giorno eterna notte...''
 
==Citazioni su Luigi Tansillo==
*Luigi Tansillo, in ''Lettere inedite di dotti italiani del secolo XVI: tratte dagli autografi della Biblioteca Ambrosiana'' a cura di [[Antonio Ceruti]], Boinardi-Pogliani di Ermenegildo Besozzi, Milano 1856.
*Luigi Tansillo, ''Al Signor Vicerè di Napoli'', in [[Francesco Fiorentino]], ''Poesie edite ed inedite di Luigi Tansillo'', Editore Domenico Morano, Napoli)
*Luigi Tansillo, ''I due pellegrini'', Lazzaro Scoriggio, Napoli 1631.
==Altri progetti==
{{interprogetto|w|s=Autore:Luigi Tansillo}}
15 808

contributi