Differenze tra le versioni di "Luigi Tansillo"

refuso
(''I Due Pellegrini'')
(refuso)
'''Luigi Tansillo''' (1510 – 1568), poeta italiano.
 
*''[[Amore|Amor]] m'impenna l'ale, e tanto in alto | Le spiega l'animoso mio [[pensiero]], | Che d' ora in ora sormontando, spero | Alle porte del ciel far nuovo assalto. | Temo qualor più guardo il vol tropp'alto, | Ond'ei mi sgrida e mi promette altero | Che se del nobil corso io cado e pero, | L'onor fia eterno, se mortale il salto''. (da ''I Duedue Pellegrinipellegrini'', citato in [[Luigi Settembrini]], ''Lezioni di letteratura italiana'', vol. 2, Stabilimento Tipografico Ghio, Napoli 1868)
*''Che fòra il veder [[Napoli]] coi fonti, | così nel sommo suo come nel basso! | Altro saria, ch'aver | marchesi e conti!'' (da ''Il podere'', citato in [[Luigi Settembrini]], ''Lezioni di letteratura italiana'', vol. 2, Stabilimento Tipografico Ghio, Napoli 1868)
*Gonvien che sia del ceppó chi è del ramo. (citato da [[Scipione Maffei]] in prefazione a ''Teatro del signor marchese Scipione Maffei'', Alberto Tumermani Librajo, 1730)
*''I ricchi, qualor vonno, | e con la vigilanza e con la borza, | ogni aspro scoglio fertile far ponno. | Onde tastar bisogna oltre la scorza | il terren ch'a veder voi sete addutto; | che sia | buon per natura e non per forza: | e quando anco sia tal, che per far frutto | non richieda molto oro, opra e fatica; | e questa parte grava a par del tutto''. (da ''Il podere'')
15 808

contributi