Differenze tra le versioni di "Big Fish - Le storie di una vita incredibile"

m (Automa: Correzione automatica punteggiatura e spazi.)
*'''Carl il Gigante''': Io non voglio mangiarti, non voglio mangiare nessuno. Solo che mi viene una fame! Sono troppo grande. <br /> '''Edward''': Hai mai pensato che magari non sei tu ad essere troppo grande, ma che è questa città ad essere troppo piccola?
 
*'''Edward Bloom''': Ehi, Jenny, ho bisogno delle scarpe! <br /> '''Northern Winslow''': Qua il suolo è più soffice che in città. <br /> '''Cuoca''': Sentito? Fa quasi rima. <br /> '''Beamen''': È il nostro poeta laureato.
 
*'''Northern Winslow''': Sto componendo questo poema da 12 anni. C'è una grande aspettativa. Non vorrei deludere i miei fans. <br /> '''Edward Bloom''': Posso vedere? "L'erba così verde, il cielo così blu, Specter è davvero grande". Sono soltanto 3 righe. <br /> '''Northern Winslow''': È per questo che non si fa mai vedere un'incompiuta!
 
*'''Edward Bloom''': L'hai vista quella donna? <br /> '''Jenny''': Che aspetto aveva? <br /> '''Edward Bloom''': Beh..era... era... <br /> '''Jenny''': Forse era nuda? <br /> '''Edward Bloom''': ...Sì, era nuda. <br /> '''Jenny''': Non è una donna quella, è un pesce. Nessuno riesce a catturarla. Un pesce appare diverso a seconda di chi lo guarda. Mio padre ha detto che secondo lui sembrava il bracco che aveva da ragazzo tornato dall' aldilà.
*'''Jenny''': Allora credo di no signor Bloom, se non cambia nulla io resto con le cose non cambiate come sono rimasta per tutto questo tempo.<br/>'''Ed Bloom''': Non è che lei ci rimetterà qualcosa... chieda a chi vuole in città. <br /> '''Jenny''': Perché si compra questo luogo signor Bloom? È forse in crisi di mezz'età? Anziché comprarsi una decappottabile si compra una città? <br /> '''Ed Bloom ''': Aiutare la gente mi rende felice. <br /> '''Jenny''': Non so quanto meriti di essere felice. <br /> '''Ed Bloom''': Come scusi? L'ho offesa per caso? <br /> '''Jenny''': No! Ha fatto quello che aveva promesso… È tornato… Solo che io l'aspettavo prima. <br /> '''Ed Bloom''': Lei è la figlia di Bennet… Il suo nome è diverso, si è sposata forse? <br /> '''Jenny''': Io avevo 18 anni, lui 28… La differenza risultò eccessiva. Io non le venderò questa casa signor Bloom. <br /> '''Ed Bloom''': Capisco. Beh, la ringrazio comunque.
 
*'''Jenny''': Un giorno, Edward Bloom partì e non fece mai più ritorno nella città che aveva salvato. Quanto alla ragazza si sparse la voce che fosse diventata una strega e in più anche pazza. Lei stessa diventò una sorta di leggenda, e la storia finì com'era cominciata. <br /> '''Will Bloom''': È logico che la strega non poteva essere lei perché la strega era già vecchia quando lui era giovane. <br /> '''Jenny''': Beh, è logico se pensi come tuo padre. Vedi, per lui esistono solo due donne: tua madre e poi tutte le altre. E un giorno capii di essere innamorata di un uomo che non mi avrebbe mai potuto ricambiare. Che vivevo dentro una favola... Scusa, forse non dovevo dirti queste cose... <br /> '''Will Bloom''': No no, le volevo sapere, e...sono contento ora. <br /> '''Jenny''': Io volevo essere importante quanto te per lui..solo che non era proprio possibile. Io ero parte della sua favola, e... l'altra sua vita, tu,... tu eri reale.
 
*'''Sandra Bloom''': È una lettera di tuo padre, durante la guerra. Fu dato per morto. <br /> '''Will Bloom''': È successo davvero? <br /> '''Sandra Bloom''': Non tutto quello che dice tuo padre è frutto della fantasia.
Utente anonimo