Anna Vertua Gentile: differenze tra le versioni

Nessun cambiamento nella dimensione ,  12 anni fa
m
Automa assistito: correzione semiautomatica di alcuni errori comuni.
(Aggiunti incipit)
m (Automa assistito: correzione semiautomatica di alcuni errori comuni.)
*La [[bontà]] vera non l'artificiosa, quasi direi, la mercantile condiscendenza ad ogni desiderio altrui, conquista gli animi più delle superbe violenze, più dei dottissimi raziocini.
*Voi potete esser superlativamente belle, come la Venere di Milo; forti come l'aquila, doviziose come tutte le dinastie dei Rothschild, sapienti come l'[[Gaetana Agnesi|Agnesi]] troverete sempre il deserto, la freddezza, l'invidia del mondo se l'animo vostro non sarà informato alla bontà, a quella generosa vibrazione del sentimento, che è dato dall'amore, dalla benevolenza verso tutti e verso tutto.
{{NDR|Anna Vertua Gentile, ''Bontà'',; citato in [[Dante Leonardi]], ''Spighe d'oro'', Remo Sandron Editore, 1924}}
 
==[[Incipit]] di alcune opere==
69 545

contributi