Differenze tra le versioni di "Eduardo Scarpetta"

m
Automa: sistemo automaticamente alcuni degli errori comuni...
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
m (Automa: sistemo automaticamente alcuni degli errori comuni...)
 
'''Biase''' (''viene dalla strada con grosso involto di panni''): Mamma mia, mò more, io non me fido cchiù, chesta si chiamma accidere la gente.<br>
'''Francisco''' (''venendo dal fondo a sinistra con 2 candelabri in mano''): Bià, va dinto che lo signore te vò, fà ampressa.<br>
'''Biase''': Haje d'aspettà tu e isso, pecché io non songo de fìerro, sto facenno lo facchino da che è schiarato juorno.<br>
'''Francisco''': E io non sto facenno lo stesso?
''Michele, poi Biase''.
 
'''Michele''' (''esce dalla prima a destra, con scopa in mano''): E mò accummencia n'ata jurnata! Nun me ne fido proprio cchiù... Na vota me putevo sosere a chest'ora... ma mò nun lo pozzo fà cchiù... tengo sittant'anne, cinche mise e quatte juorne!... Eh!... E a chi lo cconto?... Appena me lagno nu poco, D.<sup>a</sup> Rachele, la Superiora, se fà afferrà chello d'è cane... «Mantenete pulito il convento... Alzatevi presto...» Eh! È na parola!... Io ajere mmatina me susette ambressa, ma pò... pe tramente me stevo vestenno me cuccaje nterra!... Ch'aggia fà, quanno nun me fido?... Che songh'io?... (''Guarda verso il giardino''.) Sta facenno juorno... stutammo la lanterna... (''Esegue''.) Aissera nce lo ddicette a lo cunfessore: Io non me fido de fà sta vita... comme aggia fà?... «Agge pacienza, Michè — me dicette — Nun te trapazzà... fallo chiano chiano... e nun ghiastemmà!...» Ma comme aggia fà?... Si lo ffaccio chiano, D.<sup>a</sup> Rachele allucca... Cielu mio aiutame tu! (''Si mette a spazzare con molta calma''.) Io pò dico accussì, putarria scupà n'ato... Nonsignore: haje da scupà tu!... Lo ffanno apposta pe me fa jastemmà! (''Con proposito''.) Ma io nun ghiastemmo, vì... Io moro, ma nun ghiastemmo!... (''Continua a spazzare. Si lamenta:'') Ah!... Ah!... Comme me fanno male li rine... nun me pozzo adderezzà cchiù! (''Prende una sedia e siede in mezzo alla scena''.) Apprimma dinto a n'ora me scupavo tutto lo cunvento... Mò no: mò l'aggia fà chiano chiano e senza jastemmà! Làsseme scupà nu poco vicino a la porta de lo maestro... si no chillo pò allucca! (''Si alza e prende la sedia''.) Sti ssegge, va trova pecché, giorno pe giorno se fanno sempe cchiù pesante... Sarà l'umidità, forse! (''Siede di nuovo e stando seduto spazza intorno a sé. Poi si sposta sempre con la sedia dall'altro lato e continua a spazzare seduto''.)
 
==='''Na società 'e marite''===
69 545

contributi