Anna Vertua Gentile: differenze tra le versioni

Aggiunti incipit
(Aggiunti incipit)
{{NDR|Anna Vertua Gentile, ''Bontà'', citato in [[Dante Leonardi]], ''Spighe d'oro'', Remo Sandron Editore, 1924}}
 
==[[Incipit]] di ''Idaalcune attrice''opere==
===''Carlo e Carla''===
L'autunno s'era annunciato con l'aria grigia e certe folate di aria fredda ed umida che staccavano le ultime foglie dalle piante, tappezzando il suolo di un tappeto color di ruggine.<br>
Quel giorno, dopo una mattina di pioggiarella minuta e continua, un raggio di sole sbucava fra i nuvoloni e mandava una luce incerta sul giardino di Carlo.<br>
Egli era nel suo studiolo fino da bruzzolo, con i gomiti puntati su la scrivania e la testa fra le mani. Gli stava spiegata dinanzi una lettera di parecchie pagine, che egli aveva letto e riletto e pareva studiare con attenzione. Per certo, quella lettera gli aveva dovuto recare dolore, a giudicare dalla sua aria abbattuta, dai suoi occhi rossi e gonfi.
 
===''Ida attrice''===
– Una [[visita]], – disse Gianni entrando nel salottino con in mano un telegramma spiegato.<br>– Una visita!<br>Bianca smesse di agucchiare per prendere e leggere il telegramma che il marito le porgeva.<br>– Chi viene? – chiese Ida scattando da sedere e lasciando scivolare al suolo il gomitolo di lana insieme con il lavoro all'uncinetto.<br>La piccola Lalla, che si divertiva sul tappeto ai piedi della mamma con una vecchia bambola dalla faccia incrinata, raccolto il gomitolo, prese a farlo ruzzolare con grida di gioia.<br>– Chi viene? – chiese ancora Ida con una nota di curiosità nella voce.<br>Il tenente Di Loto. – rispose cupamente Gianni, che si era messo a sedere presso la moglie e brancicava il telegramma che questa gli aveva subito reso.<br>Il fratello dell'amico tuo, morto al Congo di febbre perniciosa?<br>Sì, il fratello del mio povero Roberto, – rispose Gianni senza levare gli occhi in volto alla moglie.<br>Il giovine tenente che fu ferito a Tripoli? – volle sapere Ida, che se ne stava ritta davanti al fratello ed alla cognata.<br>Gianni fece un cenno affermativo del capo, senza parlare, continuando a brancicare il telegramma con moto convulso.
 
===''Il romanzo d'una signorina per bene''===
Seduta a la piccola, elegante scrivania, presso l'ampia finestra aperta, Lucia, con la penna sospesa su 'l foglio, guardava fuori i rami dell'ippocastano, che scossi dall'aria degli ultimi giorni di marzo, ondeggiavano nell'azzurro le grosse umide gemme, scintillanti al sole come bottoni di color roseo dorato.<br>
I passeri, lieti della promessa del verde, del folto, volavano da un ramo a l'altro ciangottandosi a distanza, desideri, speranze, amorose impazienze.<br>
Giù nel giardino, che cingeva intorno la villetta, Wise, il Terranova, con le zampe anteriori poggiate su lo sporto del muricciolo che sosteneva la cancellata, abbaiava a scatti, con il suo cupo vocione da forte, agli operai uscenti dalla fabbrica lì a pochi passi, per il pasto di mezzogiorno.
 
==Bibliografia==
*Anna Vertua Gentile, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/v/vertua/index.htm Carlo e Carla]'', Milano, A. Barion, 1922.
*Anna Vertua Gentile, ''Ida attrice'', A. Barion Editore, Milano 1929.
*Anna Vertua Gentile, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/v/vertua/index.htm Il romanzo d'una signorina per bene]'', Paolo Carrara Edit. (Tip. Patronato), Milano, 1897.
 
[[Categoria:Scrittori italiani|Gentile, Anna Vertua]]
31 010

contributi