Differenze tra le versioni di "Publio Terenzio Afro"

Aggiunto incipit "La ragazza di Andros"
m (grazie per la fonte)
(Aggiunto incipit "La ragazza di Andros")
[[Immagine:Terenz2.gif|thumb|Publio Terenzio Afro]]
'''Publio Terenzio Afro''', in latino ''Publius Terentius Afer'' (195 a.C. – 159 a.C.), commediografo latino.
 
==[[Incipit]] de ''La ragazza di Andros''==
'''Simone'''. (''entrando con Sosia e alcuni servi'') Portate dentro codeste cose, voi, andate!<ref>Simone si rivolge ai servi che tornano dal mercato recando gli acquisti fatti in vista della celebrazione delle nozze di Panfilo.</ref> (''escono i servi'') Sosia, tu aspetta un attimo; voglio parlarti un momentino.<br>
'''Sosia.''' Fa' come se mi avessi già parlato; tanto vuoi dirmi di aver cura di questa roba, vero?<br>
'''Simone.''' No, è un'altra cosa.<br>
'''Sosia.''' Che cosa c'è, oltre a questo, che la mia ingegnosità possa fare per te?<br>
'''Simone.''' Non c'è affatto bisogno di codesta ingegnosità per ciò che voglio fare io, ma di quelle doti che ho sempre saputo che tu possiedi, la fedeltà e la segretezza.<br>
'''Sosia.''' Sono qui pronto ai tuoi desideri.
:'''''Simo.''''' ''Vos istaec''<ref>''istaec'': pron. dimostr. rafforzato con la particella epidittica ''-ce'' in forma apocopata (da ''ista-i-ce''), molto frequente negli autori arcaici. Qui è neutro plur.</ref> ''intro auferte: abite. - Sosia, ades dum:''<ref>''dum'': è qui attestato l'antico significato avverbiale di "per un momento". Probabilmente la sua radice è quella del verbo ''durare''.</ref> ''paucis te volo.''
:'''''Sosia.''''' ''dictum puta: nempe ut curentur recte haec?''
:'''''Simo.''''' ''immo aliud''.
:'''''Sosia.''''' ''quid est quod tibi mea ars efficere hoc possit amplius?''
:'''''Simo.''''' ''nil istac opus est arte ad hanc rem quam paro, sed eis quas semper in te intellexi sitas, fide et taciturnitate''.
:'''''Sosia.''''' ''exspecto quid velis''.
 
==Citazioni con testo a fronte==
*Tanti gli uomini, tante le opinioni: ognuno una legge a se stesso.
*Una [[bugie|bugia]] caccia l'altra.
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==
*Publius Terentius Afer, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/t/terentius/index.htm La ragazza di Andros (Andria]'', traduzione di Massimo Rossi, Ugo Mursia Editore, Milano, 1996. ISBN 8842519995
 
== Altri progetti==
26 767

contributi