Differenze tra le versioni di "Eduardo Scarpetta"

7 086 byte aggiunti ,  10 anni fa
WIP - Aggiunti incipit
(WIP - Aggiunti incipit)
(WIP - Aggiunti incipit)
 
===''Li nipute de lu sinneco''===
''Carmeniello prepara la tavola, disponendo le posate di stagno. Saverio entra e s’avvicina''.
 
'''Saverio''': Jamme, jamme. Avimmo mettere na tavola principesca! Sangue de Bacco, è stata proprio na fortuna pe me: lo nuovo sinnaco m’ha fatto sapé che stammatina vene a visità la trattoria mia. Naturalmente a me me conviene de farle trovà na colazione scicca! (''Osservando la tavola:'') Che so’ sti posate? Cheste so’ posate de stagno!<br>
'''Carmeniello''': E quale aggio piglià?<br>
'''Saverio''': Chelle d’argiento, animale! (''Carmeniello esce e torna con le posate d’argento''.) Mò, si non me stevo attiento, lo sinnaco trovava le posate de stagno!
 
===''Lu marito de Nannina''===
''Biase e Francisco, poi Nicola di dentro, poi Ciccillo, poi Bernard, indi Nicola, Biase e Francisco''.
 
'''Biase''' (''viene dalla strada con grosso involto di panni''): Mamma mia, mò more, io non me fido cchiù, chesta si chiamma accidere la gente.<br>
'''Francisco''' (''venendo dal fondo a sinistra con 2 candelabri in mano''): Bià, và dinto che lo signore te vò, fà ampressa.<br>
'''Biase''': Haje d’aspettà tu e isso, pecché io non songo de fìerro, sto facenno lo facchino da che è schiarato juorno.<br>
'''Francisco''': E io non sto facenno lo stesso?
 
===''’Nu Turco napulitano''===
''D. Peppino seduto al contuar, D. Michele seduto allo scrittoio che scrive Luigi, Salvatore e Gennarino mettono le ceste a posto — poi Giulietta''.
 
'''Peppino''' (''a Gennarino che esce dalla prima a sinistra''): Gennarino, il principale che sta facendo?<br>
'''Gennarino''': Sta accuncianno cierti sacchi dinto a lo deposito.<br>
'''Peppino''': Benissimo! A noi dunque, sottovoce.<br>
'''Luigi''': D. Peppì, io aggio che fà.<br>
'''Michele''': Io non pozzo perdere tiempo.<br>
'''Salvatore''': Io aggio da j a stazione.
 
===''’Na Santarella''===
''Michele, poi Biase''.
 
'''Michele''' (''esce dalla prima a destra, con scopa in mano''): E mò accummencia n’ata jurnata! Nun me ne fido proprio cchiù... Na vota me putevo sosere a chest’ora... ma mò nun lo pozzo fà cchiù... tengo sittant’anne, cinche mise e quatte juorne!... Eh!... E a chi lo cconto?... Appena me lagno nu poco, D.<sup>a</sup> Rachele, la Superiora, se fà afferrà chello d’è cane... «Mantenete pulito il convento... Alzatevi presto... » Eh! È na parola!... Io ajere mmatina me susette ambressa, ma pò... pe tramente me stevo vestenno me cuccaje nterra!... Ch’aggia fà, quanno nun me fido?... Che songh’io?... (''Guarda verso il giardino''.) Sta facenno juorno... stutammo la lanterna... (''Esegue''.) Aissera nce lo ddicette a lo cunfessore: Io non me fido de fà sta vita... comme aggia fà?... «Agge pacienza, Michè — me dicette — Nun te trapazzà... fallo chiano chiano... e nun ghiastemmà!...» Ma comme aggia fà?... Si lo ffaccio chiano, D.<sup>a</sup> Rachele allucca... Cielu mio aiutame tu! (''Si mette a spazzare con molta calma''.) Io pò dico accussì, putarria scupà n’ato... Nonsignore: haje da scupà tu!... Lo ffanno apposta pe me fa jastemmà! (''Con proposito''.) Ma io nun ghiastemmo, vì... Io moro, ma nun ghiastemmo!... (''Continua a spazzare. Si lamenta:'') Ah!... Ah!... Comme me fanno male li rine... nun me pozzo adderezzà cchiù! (''Prende una sedia e siede in mezzo alla scena''.) Apprimma dinto a n’ora me scupavo tutto lo cunvento... Mò no: mò l’aggia fà chiano chiano e senza jastemmà! Làsseme scupà nu poco vicino a la porta de lo maestro... si no chillo pò allucca! (''Si alza e prende la sedia''.) Sti ssegge, và trova pecché, giorno pe giorno se fanno sempe cchiù pesante... Sarà l’umidità, forse! (''Siede di nuovo e stando seduto spazza intorno a sé. Poi si sposta sempre con la sedia dall’altro lato e continua a spazzare seduto''.)
 
===''Pazzie di Carnevale''===
''Saverio, Biase e Aniello, poi Carmeniello''.
 
'''Saverio''' (''bussando al bicchiere''): Ma insomma stu riesto se po’ avé?<br>
'''Biase''': È mez’ora che stammo aspettanno.<br>
'''Aniello''' (''seduto al Contuar, a destra gridando''): Carmeniello, Carmeniello? Aggiate pacienza, tuzzuliate n’ata vota, io non me pozzo movere pecché tengo la podagra.<br>
'''Saverio''' (''gridando e bussando''): Cameriere, Cameriere?<br>
'''Carmeniello''' (''con piatto con moneta''): Eccovi servito.<br>
'''Saverio''': E tanto nce voleva?
 
===''Lu Café chantant''===
''Bettina e Ciccio, poi Carmela''.
 
'''Ciccio''' (''dal fondo''): Ma si ve dico che nun nce sta nisciuno; nce sta sulo la mugliera.<br>
'''Bettina''': E io co la mugliera voglio parlà, pecché non mme ne fido cchiù, non mme ne fido cchiù! Chill’assassino de maritemo stanotte non s’è ritirato. Co la scusa de le recite, dell’arte drammatica, trascura la mugliera, isso e chill’ato disperatone de D. Felice. Ma sta jurnata l’aggià fà femuta vì, piezzo de birbante, da duje anne che m’ha spusato, m’ha fatto privo de tutto, s’ha impignato tutte cose, tengo sulo sta vesta ncuolbo, sulo stu cappiello.<br>
'''Ciccio''': E che volite da me.
 
===''’Nu Ministro mmiezo a li guaje''===
''Ignazio seduto vicino alla farmacia — Gaetano che fa la barba a Tore avanti la bottega.<br>Menechella che esce dalla sua casa''.
 
'''Menechella''': Vuttamme li mmane, movimmece. Jammo Totò co sti lampiuncielle, e speramme che l’avite jencute buone si no quanno arriva Sua Eccellenza...<br>
'''Ignazio''': Sente l’addore... de l’arrusto.<br>
'''Menechella''': Grazie tante, ma io non voleva dì chesto. (Stasera co st’antipatico de lo farmacista fenesce male.) (''A Gaetano:'') E vuje spicciateve; facite ambressa a scartecà sto poverommo.<br>
'''Gaetano''': Eh, nu poco de pazienzia cummà Sinnachessa mia, n’ati doje botte e aggio fenute.
 
===''Tre cazune furtunate''===
''Rachele poi Retella''.
 
'''Rachele''' (''dalla porta a sinistra''): Sto ccà, sto ccà, mò vengo, non avite paura. Vuje vedite a me che me succede! Nuje tenimmo tanta guaje de li nuoste, nce volevene pure chille dell’aute. Chillo aiessera spara no colpo de revolvere a uno a Puortece e po’ se ne fuje ccà isso e la sora, che aveva da fà? ne l’aveva da caccià? Chille sò li figlie de la bonarma de la patrona mia, la Marchesa Compasso, me l’aggio cresciute io se po’ dì. Intanto, loro stanotte se sò cuccate dinta a la cammera nosta, e io e chillo povero Felicieilo nepoteme avimma avuta dormì ccà nterra, all’aria fresca. Ma pe sta jornata hanno da vedé che hanno da fà. Tutte quante sanno che nuje li conoscimme, po’ essere che quaccheduno porta spia a la polizia che stanne ccà e passammo no brutto guajo! Intanto ncoppa a lo fuoco sta sulo l’acqua cauda, nce volarria no poco de carne, e chi nce lo dà? Io non tengo manco sale. Pare brutto a cercà denaro a loro. Ah! mannaggia la miseria mannaggia!...
 
===''’Na Bona guagliona''===
''Caterina poi Luisella''.
 
'''Caterina''' (''dal fondo con due fasci di gramigna fra le mani''): Ah! non me ne fido cchiù. (''Getta i fasci di gramigna dove sono gli altri''.) Mannaggia quanno maje me mettette a vennere grammegne pe li cocchiere, so’ stata cchiù de doje ore fermata mmiezo a la strata nova a lo sole, fosse passato no cocchiere, addò, chi te lo dà. Sti mpise mmece de sta ccà ad Averza, ch’è lo paese loro, se ne scennene tutte quante a Napole.
 
===''La Casa vecchia''===
26 336

contributi