Differenze tra le versioni di "Eduardo Scarpetta"

5 435 byte aggiunti ,  10 anni fa
WIP - Aggiunti incipit
m (WIP - Aggiunti incipit)
(WIP - Aggiunti incipit)
'''Amalia''' (''dalla prima dello spettatore''): Carlù, è venuto?<br />
'''Carluccio''' (''dal fondo''): Sissignore signorì, sta fore.<br />
'''Amalia''': Fallo trasì.<br />
'''Carluccio''': D. Leonà trasite.
 
===''Tre pecore viziose''===
''Beatrice, Concettella e Biase''.
 
'''Concettella''' (''esce correndo e gridando''): Aiuto!... Aiuto!<br>
'''Beatrice''' (''trattenuta da Biase''): Lassame, Bià, la voglia addecrià comme dico io!<br>
'''Biase''': Fermateve, signò... Chella non lo ffà cchiu!<br>
'''Beatrice''': Muzzecutola, faccia tosta! N’auta vota che te veco affacciata a la fenesta, a ffà le smorfie cu chillo D. Liccardo, t’afferro pe li capille, me te metto sotto, e tanno te lasso, quanno t’aggio rimasta scucciata!
 
===''L’amico ’e papà''===
''Pasquale, dalla porta a sinistra, indi Luisella dalla prima porta a dritta''.
 
'''Pasquale''' (''d.d.''): Va bene, va bene, non dubitate, sarete servito. (''Fuori:'') Ah! ca chesto se chiamma proprio farme fà lu ciuccio de carretta, da la matina alla sera vaco nnanze e arreto comme a la sporta de lu tarallaro, si jammo nnanze de chesta menera io aizo ncuollo e me ne vaco.<br>
'''Luisella''': Pascà avvisa lo cucchiere ca pe l’otto la carrozza adda essere pronta.
 
===''‘No pasticcio''===
''Giulietta ed Angiolella''.
 
'''Giulietta''' (''dalla sinistra''): E accossì Ngiulè, che me dice?<br>
'''Angiolella''' (''dalla destra''): Co la chiavetella fauza, ch’avimmo fatto fa, aggio aperta la scrivania de lo marito vuosto, e aggio revutato tutte le carte.<br>
'''Giulietta''': E haje trovato qualche lettera, qualche cosa?<br>
'''Angiolella''': Niente, ma ve pare, signorina mia, chillo po’ era tanto scemo de farcela trovà. Li marite so’ fine assaje quanno se tratta de mbruglià le mugliere.
 
===''Il romanzo d’un farmacista povero''===
''Carmeniello, poi Elisa''.
 
'''Carmeniello''' (''dal fondo con due giornali ed una lettera''): Starrà ancora dormenno, non saccio si la scetà o no, chella allucca sempe, me fa mettere na paura a la vota, si non avanzasse la mesata, da quanto tiempo me ne sarrìa juto, po’ è curiosa, sempe che le cerco qualche cosa che denaro, essa dice: Domani arriva la compagnia, ma che compagnia io non la saccio... Sento rumorre. Ah! La vì ccà.<br>
'''Elisa''': Carmeniello?<br>
'''Carmeniello''': Eccellenza.
 
===''Nun la trovo a mmaretà''===
''Gaetano, Ciccillo e Michele dalla sinistra''.
 
'''Gaetano''': Jammo, facite ampressa ve movite o no.<br>
'''Ciccillo''' (''con due balice''): Vuje site curiuso, chesta è tutta rroba che pesa, io aggio da fà lo cammariere non lo vastaso. (''Via pel fondo''.)<br>
'''Gaetano''': Non fà chiacchiere che chillo sta apettanno lo forastiere abbascio. Spiccete tu n’auto.<br>
'''Michele''': Mò mò, vuje la gente l’avite pigliate p’animale, chi comanna non suda, vì che se passa.
 
===''La nutriccia''===
''All’alzarsi del sipario si sente il pianto di un bimbo, poi il campanello. Peppino dal fondo, Concetta dalla destra''.
 
'''Concetta''': Neh! Peppì, hanno chiamato?<br>
'''Peppino''': Eh! Hanno tuzzuliato.<br>
'''Concetta''': Mamma mia, ccà è proprio n’affare serio, dinta a sta casa nun ce stà nu mumento de riposo.<br>
'''Peppino''': Da che è nato chillu guaglione s’è perduta la pace.<br>
'''Concetta''': Chillo guaglione?... pecché nun dice chillu scunciglio.
 
===''‘Nu frongillo cecato''===
''Carmela e Ersilia, poi Antimo, indi Concetta''.
 
'''Ersilia''': Carmè, te raccomanno, resta a cura toja de fa venì lo fabbricatore, ha rimasta la cucina come a no casale sacchiate.<br>
'''Carmela''': Mò vaco a servire.<br>
'''Ersilia''': Va, va, bella figliola.<br>
'''Antimo''': Buongiorno D.<sup>a</sup> Ersilia.<br>
'''Ersilia''': Ben levato. Come vi trovate in quelle due stanze che vi ho fittate, e di cui ieri sera pigliaste possesso?<br>
'''Antimo''': Benissimo!
 
===''Amore e polenta: ’na paglia ’e Firenze''===
''Michele e 2 tappezzieri, poi Bettina''.
 
'''Michele''' (''alla seconda a sinistra''): Giovinò, avite fernuto?<br>
'''1° tappezziere''' (''uscendo con martello e forbici''): Tutto è fatto D. Michè.<br>
'''Michele''': Lo lietto l’avite montato cu nu bello tombò?<br>
'''1° tappezziere''': Jate vuje stesso, e vedite comme pare bello! Alla fine, la rrobba era poco, a botta de giunte l’avimmo avuta fà!<br>
'''Michele''': Va buono, chesto ccà nun lo fà sentì!
 
===''‘Nu brutto difetto''===
''Ninetta e Peppino che dorme, indi Totonno''.
 
'''Ninetta''': Mamma mia! C’ammuina ca ce sta dinto a sta casa pe mezzo de lo matrimonio de la figlia de lo padrone mio in D. Felice. Me sento proprio stanca de la fatica. E st’ato ciuccio che dorme sempre. Fa buono lo padrone ca lo piglia a cauce. Guè, Peppì, te vuò scetà si o no?<br>
'''Peppino''' (''svegliandosi''): Chi è? Oh! Sì tu? Ninè lassame durmì c’aggio fatto due mattate.<br>
'''Ninetta''': C’haje da durmì? Scetate ca mò vene lo sposo.<br>
'''Peppino''': E c’aggia fà? (''Alzandosi''.)<br>
'''Ninetta''': Va arriciette le cammere.
 
===''‘Na matassa mbrugliata''===
''Rachele, Matilde''.
 
'''Rachele''' (''terminando d’aggiustare la stanza''): Tutto è fatto; pare che pò restà contento D. Felice quanno vene. Va mò figlia mia, famme sentì nu poco la lezione c’haje da purtà stammatina lo maestro de declamazione.<br>
'''Matilde''': Mammà comme ve vene ncapo?<br>
'''Rachele''': Meh famme contenta; siente saglie llà ncoppa... là D. Felice nce fa saglì li modelle... tu fà cunte invece che chillo fosse lo palcoscenico...
 
===''‘Na società ’e marite''===
''Giulietta, poi Michelina''.
 
'''Giulietta''' (''parlando alla porta a destra''): Va bene, tutto sarà fatto, non dubitate... Uh! mamma mia, e che guaio cu sta societa, si triche n’atu poco, aggio appaurra ca lo patrone lo portano Averza.<br>
'''Michelina''' (''di dentro''): È permesso?<br>
'''Giulietta''': Uh! Michelina! trase Michelì.<br>
'''Michelina''': Giulié, comme staje?<br>
'''Giulietta''': Eh, non c’è male, e tu?
 
===''Li nipute de lu sinneco''===
26 336

contributi