Differenze tra le versioni di "Eduardo Scarpetta"

m
WIP - Aggiunti incipit
(WIP - Aggiunti incipit)
m (WIP - Aggiunti incipit)
[[Immagine:Eduardo Scarpetta.jpg|thumb|Eduardo Scarpetta]]
'''Eduardo Scarpetta''' (1853 – 1925), attore e commediografo italiano.
{{indicedx}}
 
==[[Incipit]] di alcune opere==
===''Miseria e nobiltà''===
''Concetta e Pupella, poi Luisella.<br />Concetta lavora la calza; Pupella è vicina alla finestra; entrambe sono sedute''
 
'''Pupella''': Mammà, songo li 4 e meza, e papà nun se vede ancora; mo' vide che facimmo lo stesso fatto d'ajere. A n'ore de notte nce magnajeme nu ventre de puorco 5 perzune. (''Gridando'':) I tengo famma, i tengo famma!<br />
'''Concetta''' (''alzandosi''): Haje ragione, figlia mia, haje ragione, tu sparte lo core, ma che aggia fa io puverella? Mannaggia quanno maje me jette a spusà a chillu disperatone! Me fosse rotte li gamme quanno jette ncoppa a lo Municipio! Da che m'aggio spusato a isso, sto passanno nu sacco de guaje! Mò nce ha cumbinato chist'auto piattino. Steveme sule a casa, e chellu poco che tenevemo, nce lo sparteveme a magnà nuje sule, puteveme sfucà na chiacchiera senza che nisciuno nce senteva; a maggio truvaje sti 2 cammere e se vulette aunì cu chill'auto disperatone de D Felice, ma stasera la faccio fernuta, vì!
 
===''Persicone mio figlio''===
''Marietta sola (suono interno di campanello. Marietta esce).''
 
'''Marietta''': Eccomi qua... Son pronta... Eh! come va di fretta! Chi non lo sa, s’immaginas'immagina ch’ioch'io non gli dessi retta... Vorrebbe tutto a volo, ei parla una sol volta, Vuoi che si serva subito, ragioni non ascolta. Amato egli è dal padre, che gli fa tutto fare, Per questo se ne abusa. Davver che non mi pare Or questa la maniera di comandar la gente, E se così mi trattano, men vado certamente! Qui non si sta mai fermi, e sempre c’èc'è da fare, Ed or, sarà un miracolo, cessato ha di suonare; Forse credendo ch’ioch'io non mi trovassi qua, Per fare meno chiasso, ei più non suonerà!.. (''Campanello di dentro più forte''.) Ed ecco il campanello. Son pronta, mio padrone!
 
===''Gelusia'' ovvero ''Amore sposalizio e gelusia''===
''Saverio ed Asdrubale, di dentro poi fuori con Eduardo''.</center>
 
'''Asdrubale''' (''di dentro, chiamando''): Saverio, Saverio...<br />
'''Saverio''' (''uscendo''): Eccome ccà, eccome ccà. Vì comme cancaro allucca! Dalle, dalle... Tu vi che s’haves'have fatto afferrà... So’ tre ghiuorne che quase quase me pare no pazzo... Eccome ccà, ecco me ccà... (''Per entrare''.)
 
==='''Na Commedia 'e tre atte''===
''Peppeniello, seduto vicino alla finestra e Popa dalla porta in fondo con granata.''
 
'''Peppeniello''' (''facendo segni dirimpetto''): Ajersera? Arrivaje fino a Toledo e po' me tornaje... Comme? Me jette a coccà... Non è lo vero? Pozza morì de subeto si dico na buscia.<br />
'''Popa''': (Gué, chisto stà ccà). Neh, D. Peppenié...<br />
'''Peppeniello''' (''non badandole''): E pecché? Non signora, non voglio, le dice che non te fide.
 
===''Quinnice solde so’so chiù assaie de seimila lire''===
''Mariuccia che lavora calze, indi Carlino dal fondo''.
 
'''Mariuccia''' (''cantando''): Vurria addeventà no suricillo, per fa no portosillo a sta vonnella. (''Guardandosi la gonna''.) E la vonnella e anne... Guè, uh! caspita, io cantava e ccà overo nce stà no pertuso... Sì, è uno nce ne sta nfaccia a sta vonnella, e aggio voglia de me l’acconciàl'acconcià, aggio voglia de mettere pezze ca non ne caccio niente cchiù! ma sicuro, si la tengo da duje anne... che diavolo, si era de fierro pure se sarrìa strutta!... Sempe chesta ncuollo, de festa, de juorno de lavoro, p’ascìp'ascì, pe la casa, sempe la stessa. Mannaggia la sciorta mia! Aggio avuto da nascere accossì sfortunata! Non pozzo manco parlà, non pozzo manco sfucà co patemo e mammema pecché dicene che non hanno addò pigliarle. E li vuò dà tuorto; gnernò, ed intanto m’aggiom'aggio da stà zitta,e aggio da ncuttà sempe. E comme! Sfortunata pure a fa l’ammorel'ammore! Voglio tanto bene a Feliciello, isso pure va pazzo pe me, ma sta disperato de na manera tale che non se po' credere! Venette a parlà co papà D. Carlino lo studente che sta ncapo a nuje de casa, e chillo, avimmo appurato ca lo patre le manna da fora 30 lire a lo mese, e isso ha da penzà a magnà e a dormì, pe chisto veramente è stato meglio accossì pecché non me ne passava manca pe la capo. E no chiacchiarone che quanno accommencia a parlà te leve le cervelle... m’ham'ha mannato no sacco de lettere, ma io non l’aggiol'aggio maje risposto.
 
===''È buscìa o verità''===
''Giulio e Asdrubale, che esce.''
 
'''Giulio''': Asdrù, che me dice?<br />
'''Asdrubale''': Steva ncoppa a lo lietto liggenno, l’aggiol'aggio fatto la mmasciata e ha ditto che mo' esce.<br />
'''Giulio''': Bravo, bravo, Asdrubale.
 
''Virginia dalla sinistra e Nannina dal fondo.''
 
'''Nannina''': Signorì, v’aggiov'aggio da dicere na cosa, avesse da venì papà.<br />
'''Virginia''': No, non c’èc'è paura, sta dinto screvenno, de che se tratta.<br />
'''Nannina''': Aggio visto a D. Feliciello.<br />
'''Virginia''': Ah! S’èS'è rimesso da la malattia? E comme l’hajel'haje visto?<br />
'''Nannina''': Ecco qua, vuje m’avitem'avite mannato a da la sarta pe vedè si aveva fernuta la vesta, e m’ham'ha ditto ca dimane ve la porta. A lo tornà ch’aggioch'aggio fatto, m’èm'è venuto pennante D. Felice, io vedennolo aggio fatto na sorpresa pecché ve dico la verità s’ès'è fatto assaie cchiù sicco. La primma cosa che m’ham'ha addimmannato è stata: neh Nannì, Virginia comme sta?<br />
'''Virginia''': Poveriello!
 
===''La collana d’orod'oro o i cinque talismani''===
''Musica n. 1<br />Coro folletti''.
 
<poem>'''Tutti''': Ecco fatto, è sotterrata
Tra llà llà...
Resti ormai nel fuoco eterno!
Tra le fiamme dell’Infernodell'Inferno...
a incenerir!
Vecchia strega mmalorata,
''Attanasio e Dorotea.''
 
'''Attanasio''' (''seduto a sin. leggendo un giornale, lascia di leggere''): E sempre, sempre promesse e fatte maje è un affare serio. (''Piglia un altro giornale''.)<br />
'''Dorotea''' (''seduta a dest. che lavora alcune camiciole di lana''): Neh, Attanà, dimme na cosa, quando tenive l’annel'anne che tene mo' Tetillo, purtave maglie de lana?<br />
'''Attanasio''': Tu sì pazza, e chesto nce mancava, avvezzarme a purtà maglie de lana. Quanno io teneva l’annel'anne che tene mo' Tetillo, faticava da la matina a la sera.<br />
'''Dorotea''': Putarrisse fa almeno de lo dì. Se ti sente quacheduno.
 
===''Mettiteve a fa l’ammorel'ammore cu me''===
''Emilia, Giulietta ed Alberto. Emilia suona gli ultimi accordi d’und'un pezzo; Alberto è appoggiato al pianoforte guardandola teneramente. Giulietta è seduta un po’po' distante e ricama''.
 
'''Alberto''': Brava, brava! Veramente bene.<br />
'''Emilia''': V’èV'è piaciuto?<br />
'''Alberto''': Sì, molto.<br />
'''Giulietta''': Caspita! Me ricordo comme si fosse mo' quanno sentette la primma vota la Norma cu papà a S. Carlo.., che saccio, quanno Norma e Adalcisa cantavano chillo duetto co chilli piccerille io me sentette fa li carne pecune pecune e me mettette a chiagnere accossì forte e accossì forte, che pe scuorno m’avettem'avette d’annasconnered'annasconnere da dinto a lo palco.
 
===''Duje marite ‘mbrugliune''===
''Giulietta, Michele ed Anastasia''.
 
'''Giulietta''': Favorite, favorite.<br />
'''Anastasia''': Comme comme, Rosina nun nce sta?<br />
'''Giulietta''': Gnernò, la signorina è asciuta a primma matina nzieme co la patrona mia, ma io credo che tricarranno poco a venì, pecché nun hanno fatto ancora colazione.<br />
'''Anastasia''': Comme, all’unaall'una nun hanno fatto ancora colazione? (''Piano a Michele''.) (Mamma mia e c’arruinac'arruina!)
 
===''Il non plus ultra della disperazione'' ovvero ''La bottiglieria del Rigoletto''===
''Errico, Michele, Pasquale, Vincenzo, Rosina, Amalia, Peppina, Gemma e Cornelio''.
 
'''Errico''': Bottega.<br />
'''Amalia''': Comandate.<br />
'''Errico''': Oh! Noi preghiamo sempre.<br />
'''Amalia''': Nun pazziate, facite priesto, dicite che vulite.<br />
'''Michele''': Errì, lassala; che chesta fa ammore cu D. Ciccio lo scuonceco, nce avevamo da ncuità.
 
''Rita e Rosaria che lavorano ed Antonio dal fondo''.
 
'''Antonio''' (''con latte e caffè''): D. Rì, D. Rusà, pigliateve lu latte e cafè, ve l’aggiol'aggio carrecato de zucchero.<br />
'''Rita''': Io non ne voglio.<br />
'''Rosaria''': E io nemmeno.<br />
'''Antonio''': Comme non volite fa marenna?<br />
'''Rita''': Io non tengo appetito.
 
''Rosella, poi Michele''.
 
'''Rosella''' (''dal fondo''): Nun nce sta nisciuno. Doppo la nuttata de stanotte starranno durmenno ancora. Mamma mia e che gente, manco la notte stanno cujeto.<br />
'''Michele''' (''dalla scena''): Guè, Rusè, che d’èd'è?<br />
'''Rosella''': So’ trasuta pe doje cose, primma, pe dì a lo signore che stammatina è venuta na persona che se vò affittà la casa a lo primmo piano, e po' vuleva sapè comme è ghiuto a fenì l’appiccecol'appicceco de stanotte.
 
===''Tetillo ‘nzurato''===
''Carluccio e Amalia, poi Leonardo''.
 
'''Amalia''' (''dalla prima dello spettatore''): Carlù, è venuto?<br />
'''Carluccio''' (''dal fondo''): Sissignore signorì, sta fore.<br />
'''Amalia'': Fallo trasì.<br />
'''Carluccio''': D. Leonà trasite.
 
===''Tre pecore viziose''===
===''L’amico ’e papà''===
===''‘No pasticcio''===
===''Il romanzo d’un farmacista povero''===
===''Nun la trovo a mmaretà''===
===''La nutriccia''===
===''‘Nu frongillo cecato''===
===''Amore e polenta: ’na paglia ’e Firenze''===
===''‘Nu brutto difetto''===
===''‘Na matassa mbrugliata''===
===''‘Na società ’e marite''===
 
===''Li nipute de lu sinneco''===
===''Lu marito de Nannina''===
===''’Nu Turco napulitano''===
===''’Na Santarella''===
===''Pazzie di Carnevale''===
===''Lu Café chantant''===
===''’Nu Ministro mmiezo a li guaje''===
===''Tre cazune furtunate''===
===''’Na Bona guagliona''===
 
===''La Casa vecchia''===
===''La Bohéme''===
===''L’Albergo del Silenzio''===
===''Nina Boné''===
===''La Pupa movibile''===
===''’A Cammarera nova''===
===''Duje chiapparielle''===
===''’Na figliola romantica''===
===''’A Nanassa''===
===''Cane e gatte''===
===''Il debutto di Gemma''===
===''Madama Sangenella''===
 
==Bibliografia==
26 336

contributi