Differenze tra le versioni di "Progresso"

290 byte aggiunti ,  11 anni fa
m
+1 (Alberto Manguel)
(+1 (Erri De Luca))
m (+1 (Alberto Manguel))
*La [[religione]] e il clero sono state e forse resteranno, ancora per lungo tempo, tra i più importanti nemici del progresso e della [[libertà]]. ([[Hristo Botev]])
*La verità m'appare d'un tratto: quest'uomo morirà presto. Di sicuro lo sa anche lui; basta che si sia guardato ad uno specchio: di giorno in giorno rassomiglia sempre più al cadavere che sarà. Ecco che cos'è la loro esperienza; ecco perché mi son detto tante volte che odora di morte: è la loro ultima difesa. Il dottore vorrebbe pur credervi, vorrebbe mascherarsi l'insopportabile realtà: ch'egli è solo, che non ha capito nulla, che non ha passato; con un'intelligenza che gli s'intorbida, e un corpo che si sfascia. E allora egli ha apprestato ben bene, ha ben sistemato e imbottito il suo piccolo delirio di compensazione: dice a se stesso che progredisce. ([[Jean-Paul Sartre]])
*Le storie, le cronologie e gli almanacchi ci offrono l'illusione di un progresso, anche se abbiamo di continuo la prova che esso non esiste. C'è trasformazione e c'è passaggio, ma che sia in meglio o in peggio dipende semplicemente dal contesto e dall'osservatore. ([[Alberto Manguel]])
*Lo spirito di progresso non è sempre spirito di libertà, perché può cercare di imporre a un popolo dei mutamenti indesiderati; e, nella misura in cui oppone resistenza a questi tentativi, lo spirito della libertà può allearsi localmente e temporaneamente con chi si oppone al progresso; ma la libertà è l'unico fattore infallibile e permanente di progresso, poiché fa sí che i potenziali centri indipendenti di irradiamento del progresso siano tanti quanti gli individui. ([[John Stuart Mill]])
*Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme un successo. ([[Henry Ford]])
543

contributi