Differenze tra le versioni di "Francesco Dall'Ongaro"

*Le commedie di [[Alexandre Dumas (figlio)|Alessandro Dumas]] hanno un merito vero ed incontrastabile, ed è quello di dipingere una fase dei costumi contemporanei che lo [[Eugène Scribe|Scribe]] non aveva osato toccare: il regno del ''demi-monde'' a [[Parigi]]. Scribe come ho già detto aveva scoperto il Dio ''Milione''; il Dumas ne usa a dovizia, e gli ha innalzato un altare speciale nella ''Question d'argent'', ma non ha scoperto se non la Dama dalle Camelie, o per dir meglio non l'ha scoperta, ma l'ha tradotta dinanzi al pubblico, aprendo la discussione sui suoi meriti e demeriti rispettivi.
*Modena è un capo scuola.<br/>''Che sopra tutti come aquila vola''.<br/> Egli non ha mestieri di andare a [[Parigi]] per essere salutato il primo attore vivente d'[[Europa]].
*Non si regna per trenta e più anni su tutti i teatri d'Europa senza un perché ; e se fosse dato allo [[Eugène Scribe|Scribe]] di esigere un solo scudo per ogni recita delle sue cose in Italia, egli raddoppierebbe la sua fortuna, che è molto rispettabile. Lo Scribe non ha certamente inventato la commedia nella patria di [[Molière]] e di [[Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais|Beaumarchais]], ma l'ha mantenuta in onore durante la momentanea e violenta irruzione del dramma, e la breve risurrezione della tragedia che si denomina classica. Al patrimonio già ragguardevole e imperituro dei suoi predecessori, egli aggiunse parecchi tipi, parecchi «caratteri, parecchie combinazioni sceniche di grande effetto. Egli inverilòinventò un nuovo ''deus in machina'', il Dio Milione che interviene in quasi tutte le sue commedie, e ne rende cosi verosimile l'intreccio e la soluzione.
*Quando i municipii italiani avranno contribuito all'indipendenza della patria comune, offerendo a [[Giuseppe Garibaldi|Garibaldi]] le armi necessarie a fondarla e a difenderla, farò una circolare ai medesimi perché acquistino o costruiscano un [[teatro]] del popolo, che divenga nello stesso tempo una istituzione sociale, una scuola del bello, e una fonte d'onesto diletto.
*Senza avere un merito letterario più ragguardevole, l'autore della ''Dama dalle Camelie'', e del ''Demi-monde'' ha già conquistato il difficile privilegio di partorire ogni due anni una commedia che si aspetta con ansietà, si ascolta con attenzione e si applaudisce a contanti ; cioè si replica sopra le scene del ''Gymnase'' un centinajo di volte e anche più.<br/>[[Alexandre Dumas (figlio)]], non è prodigo come il padre. Le commedie di lui che restano sulla scena sono quattro o cinque, comprese quelle che ho nominate. Egli non ispreca l'ingegno, né l'arte. Dopo aver trovato una favola, la quale è sovente una storia vera, egli studia un intreccio ragionevole, e raggranella nelle conversazioni una mezza dozzina di arguzie delle quali condisce il suo dialogo. Queste arguzie sono comunicate opportunamente agli amici, e preparano a poco a poco il successo della commedia.
15 808

contributi