Differenze tra le versioni di "Carlo Goldoni"

9 384 byte aggiunti ,  9 anni fa
Aggiunti incipit, aggiornata bibliografia
(Aggiunti incipit, note, bibliografia)
(Aggiunti incipit, aggiornata bibliografia)
Che mi consolano
Nel seno il cor.</poem>
 
===''Chi la fa l'aspetta''===
<center>Camera in casa di Bortolo. Un tavolino picciolo da lavorare in mezzo la scena. Varie sedie sparse qua e là.<br>CECILIA ''e'' LISSANDRO</center>
'''Cec.''' (''Guardando degli orecchini ed altre cose da donna, di pietre false'')<br>
'''Liss.''' (''Tira fuori di quando in quando degli astucchi e delle scatole con dentro simili mercanzie'') La varda quelle buccole se le puol esser meggio ligae.<br>
'''Cec.''' Le me par troppo grande.<br>
'''Liss.''' Se usa. La varda queste.
 
===''Gli amanti timidi''===
'''Ros.''' Sappiè, sior Traccagnin, che son bergamasca anca mi.<br>
'''Tracc.''' (''Si maraviglia, perch'ella ha detto in burchiello di essere milanese'')
 
===''Il Campiello''===
''ZORZETTO con una cesta in terra con dentro piatti, e scodelle, col sacchetto in mano per il gioco detto la Venturina, poi tutte le donne, ad una per volta, dal luogo che sarà accennato.''<br>
<poem>'''Zorzetto''' Pute, chi mette al lotto?
Xè qua la Venturina.
Son vegnù de mattina.
Semo d'inverno fora de stagion;
Ma za de carneval tutto par bon.
Via, no ve fè pregar.
Pute, chi zoga al lotto?
Chi vien a comandar?</poem>
 
===''Il cavaliere di buon gusto''===
<center>Camera del conte Ottavio.<br>''Il conte'' OTTAVIO ''in veste da camera e parrucca, sedendo ad un tavolino, leggendo un libro''.</center>
'''Ott.''' Convien poi dire, che in questo secolo piucché mai fioriscono gl’ingegni peregrini in Italia. Questo libro è sì bene scritto, ch’io lo reputo testo di lingua<ref>Le opere del Conte [[Gasparo Gozzi]].</ref>, e in oggi certamente pochi Italiani scrivono in questo stile. Questo sogno è un capo d’opera, e il dialogo fra il calamaio e la lucerna è una cosa molto graziosa. Ma il sole principia a riscaldare la terra. Or ora verranno visite; non voglio lasciarmi trovare in quest’abito di confidenza. Chi vuole esiger rispetto, deve anche in casa propria prendersi qualche piccola soggezione. Chi è di là?
 
===''Il cavaliere di spirito ovvero La donna di testa debole''===
<center>DON CLAUDIO ''e'' GANDOLFO.</center>
<poem>'''Gan.''' Son quattro giorni in punto che la padrona è qui;
E ch'ella andò lontano è questo il primo dì.
'''Cla.''' Dunque non la diverte dalla passione austera
La florida campagna in dolce primavera?</poem>
 
===''Il cavaliere e la dama''===
<center>''Camera in casa di donna Eleonora''.<br>DONNA ELEONORA ricamando ad un piccolo telaio e COLOMBINA colla rocca sedendo, che dorme.</center>
'''Donna Eleonora''' - Questo tulipano non risalta come vorrei. Bisogna dargli un'ombra un poco più caricata. Vi vogliono due o tre passate di seta scura. Colombina, dammi quel gomitolo di seta bleu. Colombina, dico, Colombina?<br>
'''Colombina''' - Signora, illustrissima, eccomi. (''svegliandosi'')<br>
'''Donna Eleonora''' - Tu non faresti altro che dormire.<br>
'''Colombina''' - Chi non dorme di notte, bisogna che dorma di giorno. Sino alla mezzanotte si lavora, e all'alba si salta in piedi e si torna a questo bellissimo divertimento della rocca. Signora padrona, anch'io son fatta di carne, e non dico altro.
 
===''Il cavaliere giocondo''===
<center>Camera in casa del Cavaliere.<br>''Il'' CAVALIER GIOCONDO ''in veste da camera e berretta, al tavolino, scrivendo''. FABIO, ''maestro di casa''.</center>
<poem>'''Fab.''' Signor, non ho danaro. Se voi me ne darete,
Provvederò al bisogno.
'''Cav.''' Eccone qui. Tacete. (gli dà una borsa.)
'''Fab.''' Si spende assai, signore, e badano a venire
Ancor de' forestieri.</poem>
 
===''Il conte Caramella''===
<center>Cortile chiuso con porta in prospetto per dove entrano i vendemmiatori.<br>CECCO, ''capo de’ Contadini vendemmiatori'', DORINA ''e'' GHITTA ''con cestelli d’uva vendemmiata''.</center>
<poem>'''Coro''' Bel godere il dolce frutto
Delle rustiche fatiche;
Bel veder le piaggie apriche
D’uve sparse rosseggiar.</poem>
 
===''Il conte Chicchera''===
<center>Camera in casa di Madama.<br>LUCREZIA, IPPOLITO,MADAMA LINDORA, ''Don'' FABRIZIO ''e'' CAVALLINA</center>
<poem>'''Lucr.''' Serva, Madama.
'''Mad.''' Serva, signori.
'''Ipp.''' Scusi di grazia. (''a Madama'')
'''Mad.''' Sono favori.
'''Fabr.''' Chiedo perdono. (''a Madama'')
'''Mad.''' Serva gli sono.</poem>
 
===''L'adulatore''===
'''Gott.''' E di me vi potete voi lamentare?<br>
'''Plac.''' Bella cosa! maritati senza fare un poco di nozze, senza dare un pranzo né ai nostri amici, né ai nostri parenti!
 
===''La calamita de' cuori''===
<center>Tempio dedicato ad Amore col simulacro di Cupido ed ara accesa.<br>ARMIDORO, GIACINTO, PIGNONE ''e'' SARACCA</center>
<poem>Bell'idolo d'Amore,
Che m'impiagasti il core,
Dinanzi a te vengh'io
A chiederti pietà.
La bella e saporita
De' cuori calamita
Ti chiede la mia fede,
La mia sincerità.</poem>
 
===''La cameriera brillante''===
<center>FLAMINIA ''e'' CLARICE.</center>
'''Clar.''' Questa è una vita da diventar etiche in poco tempo.<br>
'''Fla.''' Io per me ci sto volentierissima in villa.<br>
'''Clar.''' Ed io non mi ci posso vedere.<br>
'''Fla.''' In quanto a voi, state mal volentieri per tutto. A Venezia non vedevate l'ora di venir in campagna; ora che ci siete, vorreste andarvene dopo tre giorni.
 
===''La Cantarina''===
<center>''Madama'' GELTRUDA ''e'' LORINO</center>
<poem>'''Mad.''' Ve l'ho detto, e il torno a dir:
Gelosia non vuò soffrir.
'''Lor.''' Ve l'ho detto, e lo dirò,
Che resistere non so.
'''Mad.''' Sarò vostra.
'''Lor.''' Tutto, o niente.
'''Mad.''' Un trattare indifferente
Tollerare non si può?
'''Lor.''' Non si può: madama no.</poem>
 
===''La casa nova''===
<center>''Camera d'udienza nella casa nova.''<br>SGUALDO ''Tappezziere, Pittori, Fabbri, Falegnami che lavorano intorno alla camera, poi'' LUCIETTA</center>
'''Sgu.''' Fenimo sta camera za che ghe semo. Questa ha da esser la camera da recever; e el paron el vol che la sia all'ordene avanti sera. Intanto, che i fenisse de far la massarìa<ref>Lo sgombero, o sia il trasporto de' mobili da una casa all'altra.</ref>, el vol sta camera destrigada<ref>Sbarazzata.</ref>. Da bravo, sior Onofrio fenì de dar i chiari scuri a quei sfrisi. Vu, mistro Prospero, mettè quei caenazzetti<ref>Piccoli chiavistelli.</ref> a quela porta; e vu, mistro Lauro, insoazè<ref>Mettere la cornice.</ref> quella erta, e destrighèmose, se se pol. (''i lavoratori eseguiscono'')
 
===''La cascina''===
<center>Campagna parte in collina, parte in pianura, con animali bovini che vanno qua e là pasturando.<br>''La'' LENA ''e la'' CECCA, ''sedendo sopra alcuni sassi al piano, colle loro rocche filando''.<br>PIPPO ''e'' BERTO ''in collina, tagliando il fieno''.<br>''La'' LENA ''e la'' CECCA, ''cantando insieme''.</center>
<poem>Io non conosco amore,
E pur lo provo al cor.
Ditemi voi, pastore,
Che cosa sia l’amor.</poem>
 
===''La castalda''===
<center>CORALLINA ''ed'' ARLECCHINO ''seduto ad una tavola, che mangia e beve''.</center>
'''Cor.''' Animo, animo, mangiate e bevete, che buon pro vi faccia.<br>
'''Arl.''' Oh che onorata gastalda! Oh, quanto che ve son obligà! Cussì sti bocconcini la mattina per el fresco i me tocca el cuor.<br>
'''Cor.''' Mangiate, che ve lo do volentieri. (Già il padrone non sa niente, ed io mi voglio far degli amici, per tutto quello che potesse nascere). (''da sé'')<br>
'''Arl.''' Alla vostra salute. (''beve'')
 
===''Le avventure della villeggiatura''===
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Bertoldo Bertoldino e Cacasenno]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Buovo D'Antona]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Chi la fa l'aspetta o sia I chiassetti del Carneval]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''Gl'innamorati'', Newton Compton, Roma 1994.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Gli amanti timidi]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il buon compatriotto]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il burbero benefico: commedia in tre atti]'', a cura di Avancinio Avancini, editore Vallardi, Milano, 1935.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il Campiello]'', in "Opere", Ugo Mursia editore, 1969.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il cavaliere di buon gusto]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il cavaliere di spirito ovvero La donna di testa debole]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il cavaliere e la dama]'', in "Commedie", a cura di Giuseppe Petronio, Rizzoli Editore, Milano, 1958.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il cavaliere giocondo]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il conte Caramella]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il conte Chicchera]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'adulatore]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'Amante Cabala]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La buona moglie]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La burla retrocessa nel contraccambio]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La calamita de' cuori]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La cameriera brillante]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La Cantarina]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La casa nova]'', in "Opere", a cura di Gianfranco Folena, Editore Mursia, Milano, 1969.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La cascina]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La castalda]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''La locandiera'', a cura di Gerolamo Bottoni, Carlo Signorelli Editore, Milano 1934.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Le avventure della villeggiatura]'', in "I capolavori", a cura di Giovanni Antonucci, Newton Compton Editori, 1992.
22 026

contributi