Differenze tra le versioni di "Carlo Goldoni"

14 725 byte aggiunti ,  9 anni fa
Aggiunti incipit, note, bibliografia
(Aggiunto WIP, PDA, incipit, bibliografia)
(Aggiunti incipit, note, bibliografia)
Scoprasi dunque... Ma che miro! Al suolo
Prosteso il servo mio riposa in pace?</poem>
 
===''Bertoldo Bertoldino e Cacasenno''===
<center>Camera nel Palazzo del Re.<br>''Il'' RE, ''la'' REGINA, AURELIA, ERMINIO. ''Paggi e Servi Reali''.</center>
<poem>'''Coro''' Amor discenda
Lieto e sereno;
Fecondo renda
D'Aurelia il seno,
E doni pace
D'entrambi al cor.</poem>
 
===''Buovo D'Antona''===
<center>Luogo campestre, con collina praticabile in prospetto. Da una parte un violino, e dall'altra un rastello che introduce in giardino.<br>MENICHINA ''colla rocca filando'', CECCHINA ''facendo le calze''.</center>
<poem>'''Men.''' Quest'aure amate,
Quest'onde chiare
Mi riescon grate,
Mi son sì care,
Che mi consolano
Nel seno il cor.</poem>
 
===''Gli amanti timidi''===
<center>Camera con un grande armadio nel fondo, due porte laterali aperte che poi si chiudono; ed un tavolino da una parte, ad uso di segretario, col bisogno da scrivere, e sedie.<br>'''Fabrizio''' ''solo''.</center>
Ah! Ci scommetterei la testa che Zelinda e Lindoro si amano segretamente. Li vedo troppo attaccati, e credo, se mal non ho inteso, si abbiano dato l'appuntamento di trovarsi qui insieme. Ecco la ragione, per cui costei mi disprezza, che altrimenti, se Lindoro è segretario, io son mastro di casa, e tutti due serviamo onorevolmente lo stesso padrone, ed ella, quantunque dia ad intendere di esser nata signora, è obbligata, come me, a nutrirsi di pane altrui, ed a servire da cameriera... Ma... Eccoli a questa volta. Vo' chiudermi in quest'armadio, e scoprire, se posso, i segreti loro. Se ne vengo in chiaro, se si amano veramente, non son Fabrizio, se non mi vendico. (''si chiude nell'armadio'')
 
===''I bagni di Abano''===
<center>Cortile corrispondente ai Bagni, tanto degli Uomini che delle Donne.<br>ROSINA ''alla porta del bagno delle Donne'', MARUBBIO ''alla porta del bagno degli Uomini'', VIOLANTE, LISETTA, ''poi'' RICCARDO, PIROTTO ''da' loro respettivi bagni''.</center>
<poem>'''Rosina''', '''Marubbio'''
Fuori, fuori dal bagno, signori,
Ché la zuppa dal cuoco si fa.
E chi è lasso dai tepidi umori,
Di ristoro bisogno averà.</poem>
 
===''Il bugiardo''===
<center>Notte con luna.</center>
Strada con veduta del canale. Da una parte la casa del Dottore, con un terrazzino. Dall'altra, locanda con l'insegna dell'Aquila.<br>
Nell'alzar della tenda vedesi una peota illuminata, disposta per una serenata con dentro i suonatori, ed una donna che canta. I suonatori suonano una sinfonia.
<center>'''''Florindo''''' ''e'' '''Brighella''' ''in terra, da un lato della scena''.<br>'''Rosaura''' ''e'' '''Beatrice''' ''vengono sul terrazzino''.</center>
'''Flor.''' Osserva, osserva, Brighella; ecco la mia cara Rosaura sul terrazzino con sua sorella Beatrice; sono venute a godere la serenata. Ora è tempo ch'io faccia cantare la canzonetta da me composta, per ispiegare con essa a Rosaura l'affetto mio.
 
===''Il burbero benefico''===
<center>''Martuccia, Angelica, e Valerio.''</center>
'''Angelica''': Valerio, lasciatemi, ve ne prego. Io temo per me, temo per voi. Ah, se noi fossimo sorpresi!<br>
'''Valerio''': Mia cara Angelica!...<br>
'''Martuccia''': Partite, signore.<br>
'''Valerio''': (''a Martuccia'') Di grazia, un momento. S'io potessi assicurarmi...<br>
'''Martuccia''': Di che?<br>
'''Valerio''': Del suo amore, della sua costanza...
 
===''Il buon compatriotto''===
<center>Campagna col canale della Brenta ed il Burchiello di Padova, alle porte del Moranzan.<br>TRACCAGNINO ''e'' ROSINA.</center>
'''Ros.''' Vegnì qua, sior Traccagnin. Fina ch'el burchiello passa le porte del Moranzan, vegnì qua che gh'ho voggia de parlar un pochetto con vu.<br>
'''Tracc.''' (''Mostra piacere e volontà di parlare con lei'')<br>
'''Ros.''' Per quel che m'avè ditto in burchiello, sè bergamasco.<br>
'''Tracc.''' (''Accorda'')<br>
'''Ros.''' Sappiè, sior Traccagnin, che son bergamasca anca mi.<br>
'''Tracc.''' (''Si maraviglia, perch'ella ha detto in burchiello di essere milanese'')
 
===''L'adulatore''===
Da questo sciocco economo creato,
Or che manca il denar, son imbrogliato.</poem>
 
===''L'avaro''===
<center>'''Don Ambrogio''' ''solo''.</center>
Oh quanto vale al mondo un poco di buona regola! Ecco qui, in un anno, dopo la morte di mio figliuolo, ho avanzato due mila scudi. Sa il cielo, quanto mi è dispiaciuto il perdere l'unico figlio ch'io aveva al mondo, ma s'ei viveva un paio d'anni ancora, l'entrate non bastavano, e si sarebbono intaccati i capitali. È grande l'amor di padre, ma il danaro è pure la bella cosa! Spendo ancora più del dovere, per cagione della nuora ch'io tengo in casa. Vorrei liberarmene, ma quando penso che ho da restituire la dote, mi vengono le vertigini. Sono fra l'incudine ed il martello. Se sta meco, mi mangia le ossa; se se ne va, mi porta via il cuore. Se trovar si potesse... Ecco qui quest'altro tàccolo, che mi tocca soffrire in casa. Un altro regalo di mio figliuolo; ma ora dovrebbe andarsene.
 
===''L'avventuriere onorato''===
<center>Camera di donna Aurora.<br>''Donna'' AURORA ''e'' BERTO.</center>
'''Aur.''' Viene a me questo viglietto?<br>
'''Ber.''' Sì signora, a lei.<br>
'''Aur.''' Non vi è la soprascritta. Hanno detto che tu lo dessi a me?<br>
'''Ber.''' A lei propriamente.<br>
'''Aur.''' Bene, io l’aprirò. Ritirati.<br>
'''Ber.''' Mi ritiro.
 
===''L'avvocato veneziano''===
<center>Camera dell’avvocato in casa di Lelio, con tavolino, scritture, calamaio ed una tabacchiera sul tavolino medesimo.<br>ALBERTO ''in veste da camera e parrucca, che sta al tavolino scrivendo, e guardando libri e scritture; poi'' LELIO</center>
'''Alb.''' Me par impossibile che el mio avversario voggia incontrar sto ponto<ref>''Ponto'' è lo stesso che ''articolo''.</ref>. La rason xe evidente, la disputa è chiara, e l’articolo xe dalla legge deciso.<br>
'''Lel.''' Signor Alberto, che fate voi con tanto studiare? Prendete un poco di respiro; divertitevi un poco. Non vedete che il sol tramonta? Sono quattr’ore che siete al tavolino.<br>
'''Alb.''' Caro amigo, se me volè ben, lasseme studiar; sta causa la me preme infinitamente.<br>
'''Lel.''' Sono otto giorni che non si fa altro che parlare di questa causa. Un uomo del vostro sapere e del vostro spirito dovrebbe a quest’ora esserne pienamente in possesso.
 
===''La bancarotta''===
<center>Strada con varie case.<br>SILVIO ''e'' BRIGHELLA</center>
'''Brigh.''' Lustrissimo, se la me permette, gh'ho da dar una polizza.<br>
'''Silv.''' Date qui. ''Conto dell'Illustrissimo Signor Conte Silvio Aretusi. D.D.'' A chi devo dar io?<br>
'''Brigh.''' La leza in fondi, e la troverà el nome del creditor.<br>
'''Silv.''' ''A Pantalone de' Bisognosi, all'insegna della Tarantola''. Che pretende da me costui?<br>
'''Brigh.''' El desidera che la ghe paga quel conto de roba, che vussustrissima ha avudo dalla so bottega.<br>
'''Silv.''' Lo pagherò quando vorrò.
 
===''La birba''===
<center>ORAZIO ''di casa, cacciato da quattro che poi affiggono su la porta un cartello, e partono''.</center>
<poem>'''Oraz.''' Piano, piano, signori,
Abbiate compassione
D'un pover galantuomo.
In camiscia restar sopra la strada
Degg'io con questo freddo?
Cotanta crudeltade in voi non credo.</poem>
 
===''La Bottega da caffè''===
<center>NARCISO e Garzoni.</center>
<poem>'''Narc.''' Ànemo, spiritosi,
Disinvolti, graziosi,
Ché per spazzar la nostra mercanzia
Sora tutto ghe vuol galantaria.</poem>
 
===''La bottega del Caffè''===
''Ridolfo, Trappola e altri garzoni''<br>
'''Ridolfo''' Animo, figliuoli, portatevi bene; siate lesti e pronti a servire gli avventori, con civiltà, con proprietà: perché tante volte dipende il credito di una bottega dalla buona maniera di quei che servono.<br>
'''Trappola''' Caro signor padrone, per dirvi la verità, questo levarsi di buon ora, non è niente fatto per la mia complessione.<br>
'''Ridolfo''' Eppure bisogna levarsi presto. Bisogna servir tutti. A buon'ora vengono quelli che hanno da far viaggio, i lavoranti, i barcaruoli, i marinai, tutta gente che si alza di buon mattino.
 
===''La buona famiglia''===
<center>''La signora'' COSTANZA, ''la signora'' ISABELLA, LISETTA; ''tutte tre lavorano''.</center>
'''Isab.''' Come è bello questo lino, signora madre.<br>
'''Cost.''' Vuol venire una bellissima tela.<br>
'''Isab.''' Mi par mill'anni che si dia a tessere.<br>
'''Cost.''' Sollecitatevi a dipanare.
 
===''La buona figliuola''===
<center>Giardino delizioso, adorno di vari fiori, con veduta del Palazzo del Marchese.<br>CECCHINA ''sola''.</center>
<poem>Che piacer, che bel diletto
È il vedere, in sul mattino,
Colla rosa il gelsomino
In bellezza gareggiar!
E potere all'erbe, ai fiori,
Dir son io coi freschi umori,
Che vi vengo ad inaffiar.</poem>
 
===''La buona figliuola maritata''===
<center>Camera.<br>MARIANNA, ''il'' CAVALIERE ''e'' MENGOTTO</center>
<poem>'''Cav.''' Della bella Marchesina
Son cognato e ammirator.
'''Meng.''' Della cara padroncina
Son vassallo e servitor.
'''Mar.''' Obbligata al Cavaliere; (''al Cavaliere'')
Aggradisco il buon amor. (''a Mengotto'')</poem>
 
===''La buona madre''===
<center>Camera in casa della signora Barbara.<br>BARBARA ''stirando delle camiscie ed altre cose bianche sottili, e'' GIACOMINA ''che lavora; poi'' MARGARITA</center>
'''Barb.''' Margarita. (''chiamando'')<br>
'''Marg.''' Siora. (''di dentro'')<br>
'''Barb.''' Vardè, se quel altro fero xe caldo, portèmelo.<br>
'''Marg.''' Siora sì, deboto<ref>Or ora.</ref>. (''di dentro'')<br>
'''Barb.''' De diana<ref>Come se dicesse: per bacco.</ref>! co sto fredo i feri se giazza subito.<br>
'''Giac.''' Mi gh'ho le man inganfie<ref>Intirizzite dal freddo.</ref> che me scampa l'ago dai déi.
 
===''La buona moglie''===
<center>Camera in casa di Bettina.<br>BETTINA ''a sedere, che fa le calze e sta cullando un bambino, poi'' MOMOLA.</center>
'''Bett.''' (''Cullando canta'') Sto putelo no vol dormir. No so cossa mai che el gh’abia. No gh’ho mai un’ora de ben. Uh, quanto che stava megio da maridar! Almanco dormiva i mi soni, laorava co ghe n’aveva vogia, e andava a spasso co voleva. Me recordo che el me lo diseva el sior Pantalon, mio missier: Betina, magnerè el pan pentio. Oh! lo magno, lo magno. No credeva mai che Pasqualin me avesse da far sta cativa vita. Malignaze le cative pratiche! No gh’è caso: sto putelo no vol dormir. Momola. (chiama) Adesso vita mia, sangue mio, te farò far la papa, sa, caro. Momola. Momola. Anca sì che sta frasconazza xe sul balcon! Momola.
 
===''La burla retrocessa nel contraccambio''===
<center>Camera.<br>GOTTARDO ''e'' PLACIDA</center>
'''Gott.''' E bene. Cosa c'è? Cos'avete? Dopo sei giorni di matrimonio, cominciate di già a farmi il grugno?<br>
'''Plac.''' Veramente in questi primi giorni voi mi date gran ragione di star allegra!<br>
'''Gott.''' E di me vi potete voi lamentare?<br>
'''Plac.''' Bella cosa! maritati senza fare un poco di nozze, senza dare un pranzo né ai nostri amici, né ai nostri parenti!
 
===''Le avventure della villeggiatura''===
<center>''Sala terrena in casa di Filippo, con tavolini da gioco, sedie, canapè ecc. Gran porta aperta nel fondo, per dove si passa nel giardino. Brigida, Paolino, Tita, Beltrame''.</center>
'''Brigida''': Venite, venite, che tutti dormono.<br>
'''Paolino''': Anche da noi non è molto che si son coricati.<br>
'''Tita''': E le mie padrone non c'è dubbio che si sveglino per tre ore almeno.<br>
'''Beltrame''': Se vegliano tutta la notte, bisogna che dormano il giorno.
 
===''Le Baruffe Chiozzotte''===
<center>''Strada con varie casupole''.<br>PASQUA ''e'' LUCIETTA ''da una parte''. LIBERA, ORSETTA ''e'' CHECCA ''dall'altra. Tutte a sedere sopra seggiole di paglia, lavorando merletti su i loro cuscini posti ne' loro scagnetti''.</center>
'''Luc.''' Creature, còssa diséu de sto tempo?<br>
'''Ors.''' Che órdene xélo?<br>
'''Luc.''' Mo no so, varé. Oe, cugnà, che órdene xélo?<br>
'''Pas.''' (''a Ors.'') No ti senti, che boccon de sirocco?<br>
'''Ors.''' Xélo bon da vegnire de sottovènto?<br>
'''Pas.''' Si bèn, si bèn. Si i vien i nostri òmeni, i gh'ha el vento in pòppe.
 
== Citazioni su Carlo Goldoni ==
*''A te, porgente su l'argenteo Sile | Le braccia a l'avo da l'opima cuna, | Ne la festante ilarità senile | Parve la vita accorrere con una || Marïonetta in mano. Al sol d'aprile | Te fuggente la logica importuna | Presago accolse il comico navile | Veleggiando la tacita laguna''. ([[Giosuè Carducci]])
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Arcifanfano re dei matti]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Aristide]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Bertoldo Bertoldino e Cacasenno]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Buovo D'Antona]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''Gl'innamorati'', Newton Compton, Roma 1994.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Gli amanti timidi]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Gli amori di Zelinda e Lindoro]'', in "Commedie scelte", Volume Terzo, 4a edizione, Edoardo Sonzogno Editore, Milano, 1890.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm I bagni di Abano]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il bugiardo]'', in "Commedie scelte", Volume Terzo, 4a edizione, Edoardo Sonzogno Editore, Milano, 1890.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il buon compatriotto]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Il burbero benefico: commedia in tre atti]'', a cura di Avancinio Avancini, editore Vallardi, Milano, 1935.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'adulatore]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'Amante Cabala]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'apatista o sia L'indifferente]'', in "I capolavori", a cura di Giovanni Antonucci, Newton Compton Editori, 1992.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'Arcadia in Brenta]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'avaro]'', in "Commedie scelte", Volume Terzo, 4a edizione, Edoardo Sonzogno Editore, Milano, 1890.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'avventuriere onorato]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm L'avvocato veneziano]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La bancarotta, o sia Il mercante fallito]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La birba]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La bottega da caffè]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La bottega del Caffè]'', Rizzoli, BUR, 1984 (si rifà all'edizione Pasquali, Venezia 1761). ISBN 881712477X
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La buona famiglia]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La buona figliuola]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La buona figliuola maritata]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La buona madre]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La buona moglie]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm La burla retrocessa nel contraccambio]'', in "Tutte le opere", a cura di Giuseppe Ortolani, I Classici Mondadori, 1955.
*Carlo Goldoni, ''La locandiera'', a cura di Gerolamo Bottoni, Carlo Signorelli Editore, Milano 1934.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Le avventure della villeggiatura]'', in "I capolavori", a cura di Giovanni Antonucci, Newton Compton Editori, 1992.
*Carlo Goldoni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/goldoni/index.htm Le Baruffe Chiozzotte]'', Edizioni scolastiche Mondadori, 1954.
*Carlo Goldoni, ''Memorie'', Arnoldo Mondadori Editore, traduzione di Paola Ranzini, Milano 1993.
 
21 992

contributi