Differenze tra le versioni di "Bono Giamboni"

1 400 byte aggiunti ,  10 anni fa
Aggiunto incipit "Libro de' Vizi e delle Virtudi"
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
(Aggiunto incipit "Libro de' Vizi e delle Virtudi")
{{PDA}}
'''Bono Giamboni''' (dopo 1240 – 1292 ca.), scrittore e poeta italiano.
 
*[[Prudenza|Prudenzia]] è virtú la quale ordina e dispone l'animo dell'uomo a verace conoscimento di bene e di male, con ferma volontà di pigliare il bene e lasciare stare il male e fug[g]irlo.
*[[Pigrizia|Tristizia]] è il terzo vizîo che nasce della mala volontà, e questo fa l'animo vizîoso e disordinato in ci[ò ch]e sí 'l fa pigro, [ch]e 'l bene che potrebbe fare no incomincia e lo incominciato non compie. Ed usasi questo vizîo per sei vie, ed ha catuna il suo nome per meglio averle a memoria. E quelli sono i vizî che nascono di Trestizia, e sono cosí nominati: Negrigenzia, Pigrizia, Tiepidità, Improvedenzia, Non intorno guardare, Ignavia.
 
==[[Incipit]] di ''Libro de' Vizî e delle Virtudi''==
Considerando a una stagione lo stato mio, e la mia ventura fra me medesimo esaminando, veggendomi subitamente caduto di buon luogo in malvagio stato, seguitando il lamento che fece Iobo nelle sue tribulazioni, cominciai a maladire l'ora e 'l dí ch'io nacqui e venni in questa misera vita, e il cibo che in questo mondo m'avea nutricato e conservato. E piangendo e luttando con guai e sospiri, li quali veniano della profondità del mio petto, contra Dio fra me medesimo dissi: “ Idio onnipotente, perché mi facesti tu venire in questo misero mondo, acciò ch'io patisse cotanti dolori, e portasse cotante fatiche, e sostenesse cotante pene? Perché non mi uccidesti nel ventre della madre mia, o, incontanente ch'io nacqui, non mi desti la morte? Facestilo tu per dare di me esemplo alle genti, che neuna miseria d'uomo potesse nel mondo piú montare? Se cotesto fu di tuo piacimento, avessimi fatto questa misericordia, che de' beni de la Ventura non m'avessi fatto provare, e avessimi posto in piú oscuro e salvatico luogo, e piú rimosso da genti, sicché di me non fossero fatte tante beffe e scherne, le quali raddoppiano in molti modi le mie pene! ”
 
==Bibliografia==
*Bono Giamboni, ''[http://www.liberliber.it/biblioteca/g/giamboni/index.htm Libro de' Vizî e delle Virtudi]'', a cura di Cesare Segre, Giulio Einaudi editore, Torino 1968.
*Bono Giamboni, ''Trattato di virtù e di vizî'', a cura di Cesare Segre, Giulio Einaudi editore, Torino 1968.
 
26 441

contributi