Differenze tra le versioni di "Vittoria Colonna"

Aggiunto PDA, incipit, bibliografia
m (Automa: Correzione automatica trattini in lineette.)
(Aggiunto PDA, incipit, bibliografia)
{{PDA}}
[[Immagine:Vittoria Colonna.jpg|thumb|Vittoria Colonna, disegno di [[Michelangelo]]]]
'''Vittoria Colonna''' (1490 – 1547), poetessa italiana.
 
*''Morto, il vigor, che pria sostenne l' ale, | S' estinse; onde alla strada eccelsa e sola | Fa che 'l desir bramoso indarno s' erga''. ([[s:Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XXV|Sonetto XXV]])
*''Se dal dolce pensier riscuoto l' [[Anima|alma]] | Per bassi effetti dell' umana vita, | Riman dal corso suo, quasi smarrita | Nave, ch' affretta in perigliosa calma''. ([[s:Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XXXII|Sonetto XXXII]])
 
==[[Incipit]] di ''Rime''==
<poem>Scrivo sol per sfogar l'interna doglia,
Di che si pasce il cor, ch'altro non vole,
E non per giunger lume al mio bel sole,
Che lasciò in terra sì onorata spoglia.
Giusta cagione a lamentar m'invoglia:
Ch'io scemi la sua gloria assai mi dole;
Per altra penna e più saggie parole
Verrà chi a morte il suo gran nome toglia.
La pura fè, l'ardor, l'intensa pena
Mi scusi appo ciascun, grave cotanto
Che nè ragion nè tempo mai l'affrena.
Amaro lagrimar, non dolce canto,
Foschi sospiri e non voce serena,
Di stil no, ma di duol mi danno il vanto.</poem>
 
==Bibliografia==
*''[http://www.liberliber.it/biblioteca/c/colonna_vittoria/index.htm Rime di tre gentildonne del secolo XVI: Vittoria Colonna, Gaspara Stampa, Veronica Gambara]'', prefazione di Olindo Guerrini, ed. stereotipa, Milano, Edoardo Sonzogno, 1882.
 
==Altri progetti==
26 361

contributi