J. D. Salinger: differenze tra le versioni

m
→‎Citazioni: Aggiungo: due citazioni su Ernest Morrow dal capitolo 8
m (Bot: Modifico: hu:Jerome David Salinger)
m (→‎Citazioni: Aggiungo: due citazioni su Ernest Morrow dal capitolo 8)
*Un sacco di gente, soprattutto questo psicanalista che c'è qui, continuano a chiedermi se quando tornerò a scuola a settembre mi metterò a studiare. È una domanda così stupida, secondo me. Voglio dire, come fate a sapere quello che farete, finché non lo fate? La risposta è che non lo sapete.
*Non faccio che dire "piacere d'averla conosciuta" a gente che non ho affatto piacere d'aver conosciuto. Ma se volete sopravvivere, bisogna che diciate certe cose.
*Suo figlio era indiscutibilmente il piú emerito bastardo che fosse mai stato a Pencey in tutta la sporca storia dell'istituto. (capitolo VIII).
*Sensibile. Mi lasciò secco. Quel Morrow era sensibile suppergiú quanto un dannato cesso. (capitolo VIII).
*La gente non si accorge mai di nulla.
*Ragazzi, quando morite vi servono di tutto punto. Spero con tutta l'anima che quando morirò qualcuno avrà tanto buonsenso da scaraventarmi nel fiume o qualcosa del genere. Qualunque cosa, piuttosto che ficcarmi in un dannato cimitero. La gente che la domenica viene a mettervi un mazzo di fiori sulla pancia e tutte quelle cretinate. Chi li vuole i fiori, quando sei morto? Nessuno.
1

contributo