Differenze tra le versioni di "Giuseppe Moscati"

4 421 byte aggiunti ,  10 anni fa
nessun oggetto della modifica
*Non la scienza, ma la [[carità]] ha trasformato il mondo, in alcuni periodi; e solo pochissimi uomini son passati alla storia per la scienza; ma tutti potranno rimanere imperituri, simbolo dell'eternità della vita, in cui la morte non è che una tappa, una metamorfosi per un più alto ascenso, se si dedicheranno al bene. (volume 1, pp 259-260)
*La [[scienza]] ci promette il benessere e tutto al più il piacere; la [[religione]] e la [[fede]] ci danno il balsamo della consolazione e la vera felicità, che è una cosa sola con la moralità e col senso del dovere.
*Ahimè la nostra [[scienza]], se fosse tutta fredda e destinata solo a mantenere i minuti piaceri del corpo, a che cosa servirebbe? Sarebbe un'[[ancella]] del [[materialismo]] e dell'egoismo!
E perciò per metterla al riparo di simile accusa, noi medici, in momenti supremi, ricordiamoci di avere di fronte a noi, oltre che un corpo, un'[[anima]], creatura di [[Dio]].
Vi garantisco che attraverso i miei diuturni studi compiuti, e le conoscenze dei vari popoli d'[[Europa]] e dei loro costumi, ho radicato sempre più la credenza dell'al di là; l'ingegno umano così possente, capace di manifestazioni di bellezza e di verità e di bene, non può essere che divino, e l'[[anima]] e il pensiero umano a [[Dio]] devono ritornare.
*Ho creduto che tutti i giovani meritevoli, avviatisi tra le speranze, i sacrifici, le ansie delle loro famiglie, alla via della [[medicina]] nobilissima, avessero diritto a perfezionarsi, leggendo in un libro che non fu stampato in caratteri neri su bianco, ma che ha per copertura i letti ospedalieri e le sale di [[laboratorio]], e per contenuto la dolorante carne degli uomini e il materiale scientifico, libro che deve essere letto con infinito [[amore]] e grande sacrificio per il prossimo.
Ho pensato che fosse debito di [[coscienza]] istruire i giovani, aborrendo dall'andazzo di tenere misterioso gelosamente il frutto della propria esperienza, ma rivelarlo a loro.
*Il [[medico]] si trova poi in una posizione di privilegio, perché si trova tanto spesso a cospetto di [[anime]] che, malgrado i loro passati errori, stanno lì lì per capitolare e far ritorno ai principi ereditati dagli [[avi]], stanno lì ansiose di trovare un conforto, assillate dal [[dolore]]. Beato quel [[medico]] che sa comprendere il mistero di questi [[cuori]] e infiammarli di nuovo.
Ma è indubitato che la vera perfezione non può trovarsi se non estraniandosi dalle cose del [[mondo]], servendo [[Iddio]] con un continuo [[amore]], e servendo le [[anime]] dei propri [[fratelli]] con la [[preghiera]], con l'esempio, per un grande scopo, per l'unico scopo che è la loro [[salvezza]].
*Dalla mia [[infanzia]] mi sono inteso trasportato verso la terra ove la [[Regina del Rosario]] ha attratto tanti [[cuori]] e operato tanti [[prodigi]]. E voglia ella, Madre benigna, proteggere il mio [[spirito]] e il mio [[cuore]] in mezzo ai mille pericoli in cui navigo, in questo orribile [[mondo]]!
Sempre che posso, faccio una scappata a [[Pompei]] - cosa ormai moltissime volte proibitami dalla assillante mia [[professione]]. Ma sempre che col treno passo fuggendo in vista del [[santuario]], per recarmi lontano, in consulti, cosa questa frequentissima, il mio sguardo e il mio cuore è lì, ove tra gli alberi si intravede il [[campanile]] in costruzione, ai piedi del [[ciborio]] su cui s'innalza l'immagine della [[Vergine]]!
*Ho qui sul mio tavolino, tra i primi fiori di [[primavera]], il ritratto di vostra figlia, e mi soffermo, mentre vi scrivo, a meditare sulla caducità delle umane cose! [[Bellezza]], ogni incanto della vita passa... Resta solo eterno l’[[amore]], causa di ogni opera buona, che sopravvive a noi, che è speranza e [[religione]], perché l’[[amore]] è [[Dio]].
Anche l’[[amore]] terreno [[Satana]] cercò d’inquinare, ma [[Dio]] lo purificò attraverso la [[morte]]. Grandiosa [[morte]] che non è fine, ma è principio del sublime e del [[divino]], al cui cospetto questi fiori e la [[bellezza]] son nulla!
Il vostro [[angelo]], rapito nei suoi verdi anni, come la sua diletta amica, ritrovata negli ultimi giorni, la [[beata Teresa]], assiste voi e la [[mamma]] sua dal cielo.
*Oh se i giovani, nella loro esuberanza, sapessero che le illusioni d'[[amore]], per lo più frutto di una viva esaltazione dei sensi, sono passeggere!
E se un [[Angelo]] avvertisse loro, che giurano così facilmente eterna [[fedeltà]] a illegittimi affetti, nel delirio di cui sono presi, che tutto quello che è impuro [[amore]] deve morire, perché è un [[male]], soffrirebbero meno e sarebbero più buoni. Ce ne accorgiamo in età più inoltrata, quando ci avviciniamo per le umane vicende, per caso, al [[fuoco]] che ci aveva infiammati e non ci riscalda più.
*Io cerco di meritare coi fatti la [[fiducia]] in me riposta, e sono lieto portare anche il modesto contributo all'azione con efficacia esplicata dagli eccellenti sanitari di cotesta [[Opera Pia]]. (volume 1, pag. 146)
 
==Bibliografia==
13

contributi