Differenze tra le versioni di "Racconto"

245 byte aggiunti ,  11 anni fa
+1
m (Automa: Aggiungo {{voce tematica}})
(+1)
*Chi comanda al racconto non è la voce: è l'orecchio. ([[Italo Calvino]])
*E fin qui, per quanto riguarda l'inizio del racconto, non v'è nulla di nuovo (poiché ogni storia, passata o futura, che narri di un giovane potrebbe cominciare alla stessa maniera). ([[Neil Gaiman]])
*I racconti sono come le pallottole di un cecchino. Rapidi e sconvolgenti. In un racconto io posso trasformare il bene in male e il male in peggio e, cosa ancora più divertente, quelli veramente buoni in veramente cattivi. ([[Jeffery Deaver]])
*Lei crede che ogni storia debba avere un principio e una fine? Anticamente un racconto aveva solo due modi per finire: passate tutte le prove, l'eroe e l'eroina si sposavano oppure morivano. Il senso ultimo a cui rimandano tutti i racconti ha due facce: la continuità della vita, l'inevitabilità della morte. ([[Italo Calvino]])
 
20 331

contributi