Differenze tra le versioni di "Gaio Lucilio"

m
m (Automa assistito: maiuscolo all'inizio delle citazioni.)
:''Nunc vero a mani ad noctem, festo atque profesto,<br />totus item pariterque die populusque patresque<br />iactare indu foro se omnes, decedere nusquam,<br />uni se atque eidem studio omnes dedere et arti,<br />verba dare ut caute possint, pugnare dolose,<br />blanditia certare, bonum simulare virum se,<br />insidias facere, ut si hostes sint omnibus omnes.''<ref>Cfr.: [[Thomas Hobbes]], ''De cive'', 1, 12.</ref> (1228-1234 Marx)
 
*<ref>Corre l'anno 121 a.C., e Quinto Muzio Scevola, detto Augure, è pretore ad [[Atene]]. Incontra per [[caso]] Tito Albucio, e lo [[saluto|saluta]] in [[Grecia|greco]] (''chaere'' (Χαῖρε), che equivale al ''vale'' latino, significa ''stammi bene!'', ''[[Salute]] a te!''), come se Tito non fosse un cittadino [[Roma|romano]], e quindi non capisse il latino. Il che sarà preso come un'[[offesa]] da Tito, il quale, l'anno successivo, accuserà il pretore Scevola di estorsione: quegli dovrà tornare in [[Italia]], a [[Roma]], per pronunciare la propria difesa davanti a un tribunale, ed essere assolto in [[tempo]] per candidarsi al consolato e ottenerlo nel 117 a.C.; si andrà formando tra i due, col tempo, un divario sempre maggiore, e una lunga serie di incidenti deteriorerà i rapporti tra i due.</ref> '''Quinto Muzio Scevola Augure''': O Albucio, tu hai preferito essere detto [[Grecia|greco]], invece che [[Roma|romano]] o sabino, concittadino di Ponzio<ref>Cittadino di probabili origini sannitiche.</ref>, di Tritano<ref>Uomo di forza erculea, di probabili origini sannitiche.</ref>, concittadino di [[w:Centurio|centurioni]], di uomini insigni, di [[w:Primus pilus|primipili]] e di [[w:Signifer|alfieri]]. Perciò ad [[Atene]], al [[tempo]] che ero [[w:pretore (storia romana)|pretore]], visto che tu lo preferivi, quando ti sei presentato a me, ti ho [[saluto|salutato]] in [[lingua greca|greco]]: «Chaere, o Tito.». E i [[w:Littore|littori]] e tutta la [[w:Coorte|coorte]] e la folla: «Chaere, o Tito.». Fu da quel momento che Albucio mi divenne [[nemico]], da allora mi fu avversario. (1968)
:'''''Quintus Mucius Scaevola Augur''''': ''Graecum te, Albuci, quam Romanum atque Sabinum,<br />municipem Ponti, Tritani, centurionum,<br />praeclarorum hominum ac primorum signiferumque,<br />maluisti dici. Graece ergo praetor Athenis,<br />id quod maluisti, te, cum ad me accedis, saluto:<br />«Chaere''<ref name=gr/>'', – inquam – Tite!». Lictores, turma omnis chorusque:<br />«Chaere, Tite!», hinc hostis mi Albucius, hinc inimicus.'' (89-95 Krenkel)
 
22 142

contributi