Differenze tra le versioni di "José Ortega y Gasset"

*Decrescerà, per quanto possibile, il gesto triste del lavoro che pretende giustificarsi con patetiche considerazioni riguardanti i doveri umani e il sacro lavoro della cultura. [L'artista] otterrà le sue splendide creazioni scherzando e senza darle grande importanza. Il poeta tratterà la sua propria arte con la punta del piede, come un buon calciatore. Nel corso di tutto il secolo XIX si è assistito ad un amaro gesto del giorno feriale. Oggi i giovani sembrano disposti a dare alla vita un aspetto imperturbabile di giorno festivo. <ref>Gabriele Morelli, ''LUDUS..., op. cit., pag. 26</ref>
*Nell'insieme, quando si introduce un nuovo termine, muta la gerarchia di ciò che resta. Allo stesso modo, nel sistema spontaneo di valutazioni che l'uomo nuovo porta con sé, di cui è parte integrante, è apparso un nuovo valore - il vitale -, che per la semplice presenza deprime tutto il resto. <ref>Gabriele Morelli, ''LUDUS..., op. cit., pag. 26</ref>
*Invece di invitareindurre il giovane a prodezze poetichepatetiche di falsa gesticolazione solenne, io gli direi: "amico mio: scienza, arte, morale inclusa, non sono cose serie, solennità sacerdotali. Si tratta meramemnte di un gioco" <ref>Gabriele Morelli, ''LUDUS..., op. cit., pag. 30</ref>
 
===Senza fonte===
318

contributi