Differenze tra le versioni di "Etty Hillesum"

428 byte aggiunti ,  10 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Automa: Correzione automatica trattini in lineette)
*Dio non è responsabile verso di noi, siamo noi a esserlo verso di lui.
*Dobbiamo avere il coraggio di abbandonare tutto, ogni norma e appiglio convenzionale, dobbiamo osare il gran salto nel cosmo, e allora, allora sì che la vita diventa infinitamente ricca e abbondante, anche nei suoi più profondi dolori.
*E se Dio non mi aiuterà più, allora sarò io ad aiutare Dio.
*Il processo di reciproco avvicinamento è parallelo a quello della reciproca liberazione.
*Io so, ora, che vita e morte sono significativamente legate fra loro.
*Quando abbiamo dell'avversione per gli altri le ragioni dobbiamo cercarle nel disgusto che sentiamo per noi stessi: ama il prossimo tuo come te stesso.
*Quello che otteniamo spontaneamente da noi stessi ha basi più solide e durature di quello che realizziamo per forza.
*Se si prega per qualcuno, gli si manda un po' della propria forza.
*Se tu affermi di credere in Dio devi anche essere coerente, devi abbandonarti completamente e devi avere fiducia. E non devi neppure preoccuparti per l'indomani.
*Si diventa più forti se si impara a conoscere e ad accettare le proprie forze e le proprie insufficienze.
*Ti prometto che tutta la mia vita sarà un tendere verso quella bella armonia, e anche verso quell'umiltà e vero amore di cui sento la capacità di me stessa, nei momenti migliori.
*Una persona dev'essere [[semplice]] anche nella sua [[tristezza]], altrimenti la sua è soltanto isteria.
*Una [[pace]] futura potrà esser veramente tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in se stesso – se ogni uomo si sarà liberato dall'[[odio]] contro il prossimo, di qualunque razza o popolo, se avrà superato quest'odio e l'avrà trasformato in qualcosa di diverso, forse alla lunga in amore se non è chiedere troppo.
*Una volta che si comincia a camminare con Dio, si continua semplicemente a camminare e la vita diventa un'unica, lunga passeggiata.
*Vivere pienamente, verso l'esterno come verso l'interno, non sacrificare nulla della realtà esterna a beneficio di quella interna, e viceversa: considera tutto ciò come un bel compito per te stessa.
*Voglio essere un cuore pensante.
9

contributi