Differenze tra le versioni di "Eduardo Galeano"

m
attività da Pedia, link, commons
m (Annullate le modifiche di 87.7.235.219 (discussione), riportata alla versione precedente di Dread83)
m (attività da Pedia, link, commons)
'''Eduardo Hughes Galeano''' (1940 – vivente), giornalista, scrittore e saggista uruguaiano.
 
*Ci sono alcuni paesi e villaggi del [[Brasile]] che non hanno una chiesa, ma non ne esiste neanche uno senza un campo di calcio. (da ''Splendori e miserie del gioco del calcio'', traduzione di Pier Paolo Marchetti, Sperling & Kupfer Editori)
*Come tutti gli uruguagi, avrei voluto essere un calciatore. Giocavo benissimo, ero un fenomeno, ma soltanto di notte, mentre dormivo; durante il giorno ero il peggior scarpone che sia comparso nei campetti del mio paese. (da ''Splendori e miserie del gioco del calcio'')
*<tt>[[Ricordare|RICORDARE]]</tt>: Dal latino ''re-cordis'', ripassare dalle parti del cuore. (da ''Il libro degli abbracci'', traduzione di Gianfranco Ciabatti, Sansoni, 1992)
*La giustizia e la libertà si odieranno fra loro in eterno. (da ''Il libro degli abbracci'')
 
*Le cose sono padrone dei padroni delle cose e io non trovo il mio volto nello specchio. Parlo ciò che non dico. Sto, ma non sono. E salgo su un treno che mi porta dove non vado, in un paese esiliato da me. (''Finestra sulla nuca'')
*Veniamo da un uovo più piccolo di una testa di spillo, e viviamo su una pietra che gira intorno a una stella nana e che, contro questa stella, prima o poi, si scontrerà. Tuttavia, siamo stati fatti di luce, oltre che di carbonio, ossigeno, merda, morte e altre cose e, in fin dei conti, siamo qui da quando la bellezza dell'universo ha avuto bisogno di essere vista da qualcuno. (''Finestra sul volto'')
*Sul muro di un locale di [[Madrid]] c'è un cartello che dice: <tt>È PROIBITO IL CANTO FLAMENCO</tt>. Sul muro dell'aeroporto di Rio de Janeiro c'è un cartello che dice: <tt>È PROIBITO GIOCARE CON I CARRELLI PORTAVALIGIE</tt>. Il che vuol dire che c'è ancora gente che canta e c'è ancora gente che gioca. (''Finestra sulle proibizioni'')
*Lei è all'orizzonte. [...] Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Cammino per dieci passi e l'orizzonte si sposta di dieci passi più in là. Per quanto io cammini, non la raggiungerò mai. A cosa serve l'[[utopia]]? Serve proprio a questo: a camminare. (''Finestra sull'utopia'')
 
{{NDR|Eduardo Galeano, ''Parole in cammino'', traduzione di M. Trambaioli, Sperling & Kupfer, Milano 2006}}
 
== Altri progetti==
{{interprogetto|w|commons=Category:Eduardo Galeano}}
 
[[Categoria:Giornalisti|Galeano, Eduardo]]
[[Categoria:Scrittori|Galeano, Eduardo]]
[[Categoria:Saggisti|Galeano, Eduardo]]
 
[[de:Eduardo Galeano]]
22 142

contributi