Differenze tra le versioni di "Jacques Maritain"

m
Automa assistito: correzione semiautomatica di alcuni errori comuni
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
m (Automa assistito: correzione semiautomatica di alcuni errori comuni)
*Coloro che credono di non credere in [[Dio]], in realtà poi credono inconsciamente in Lui, perché il Dio di cui negano l'esistenza non è Dio, ma qualcos'altro. (da ''Il significato dell'[[ateismo]] contemporaneo'')
*La verità è la conformità dello spirito con l'essere, secondo che essere è ciò che è, e il non essere, ciò che non è.<ref name=Pad>Citato in [[Nazareno Padellaro]], ''Maritain, la filosofia contro le filosofie'', Editrice "La Scuola", Brescia 1953.</ref>
*Nel corso di venti secoli di storia, predicando il Vangelo alle nazioni ed ergendosi davanti alle podestà carnali per difendere contro di esse la libertà dello spirito, la Chiesa ha insegnato agli uomini ad essere liberi. Oggi forze cieche che da duecento anni le hanno dato l'assalto in nome della libertà e in nome della persona umana deificata, lasciano infine cadere la maschera. Ora si presentano per quello che sono. La loro sete e asservire l'uomo. I tempi attuali, per miserevoli che siano, hanno di che esaltare coloro che amano la Chiesa e amano la libertà. La situazione storica da essi affrontata è definitivamente chiara. Il grande dramma del nostro tempo è il confronto tra uomo e lo Stato totalitario, il quale non è altro che il vecchio e bugiardo dio dell'impero senza legge che esigeva per se l'adorazione di tutte le cose, La causa della libertà e della Chiesa si incontrano nella difesa dell'uomo. (da ''L'uomo e lo Stato'')
*Nulla è perduto di ciò che è stato fatto, tutto è canto e poesia. (da Jacques Maritain, ''Le cose del cielo. Riflessioni sulla vita eterna'')
*Più questa causa è grande, più ci sentiamo piccoli e inadeguati ad essa. È la causa dell'intelligenza e della filosofia nella ricerca della verità e di quell'assoluto nel quale noi siamo, noi viviamo, noi ci muoviamo, come diceva Bergson, recuperando un pensiero di san Paolo. È la causa di questo umanesimo integrale che ci attende come il segno e il simbolo di una nuova civiltà, nella quale l'ispirazione democratica e l'ispirazione evangelica saranno riconciliate. (citato in Piero Viotto, ''L'apostolo dell'umanesimo'', ''Jesus'', luglio 2009)
69 545

contributi