Differenze tra le versioni di "Café Express"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  10 anni fa
m
Automa: sistemo automaticamente alcuni degli errori comuni...
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
m (Automa: sistemo automaticamente alcuni degli errori comuni...)
* '''Suor Camilla''': Pss! sentite! <br/> '''Michele Abbagnano''': Dite... <br/> '''Suor Camilla''': Mi fate una cortesia? <br/> '''Michele Abbagnano''': Certamente... <br/> '''Suor Camilla''': Mi chiamate il capotreno? <br/> '''Michele Abbagnano''': ...Io? <br/> '''Suor Camilla''': Io non mi posso muovere, c'ho le bambine! <br/> '''Michele Abbagnano''': Ma pecché, ch'è stato? <br/> '''Suor Camilla''' {{NDR|indicando uno scompartimento chiuso}}: Quei due la dentro... non avete visto che stanno facendo? <br/> '''Michele Abbagnano''': Che stanno facendo? <br/> '''Suor Camilla''': E guardate... <br/> '''Michele Abbagnano''': Qua non si vede niente, stanno le tendine chiuse! <br/> '''Suor Camilla''': Eeeh, ma se vi mettete qua, in punta di piedi, e guardate di traverso... si vede tutto! <br/> '''Michele Abbagnano''': E voi non vi mettete qua, in punta di piedi, e non guardate di traverso, e così non vedete niente!
 
{{*|'''Michele Abbagnano''': Ma che hai fatto a 'sta mano? <br/> '''Operaio''': La pressa m'ha scamazzato il dito mignolo. <br/> '''Michele Abbagnano''': Ah, bbuono! allora puo'può piglià 'a pensione? <br/> '''Operaio''': Ennò, quella ce ne volevano almeno due... <br/> '''Michele Abbagnano''': Ah, che peccato... sei stato sfortunato! <br/> '''Operaio''': E a te quanno te rann' e' pensione? <br/> '''Michele Abbagnano''': Ammè? niente! <br/> '''Operaio''': Ma pecchè, nun t'à spetta? <br/> '''Michele Abbagnano''': Mi aspetta ma nun me la danno... <br/> '''Operaio''': Almeno la pratica l'hai aperta? <br/> '''Michele Abbagnano''': No, per aprire l'ho aperta eh, so' anni che sta aperta... <br/> '''Operaio''': E allora che aspettano? <br/> '''Michele Abbagnano''': E che aspettano... che mmoro, così la chiudono...}}
 
* '''Michele Abbagnano''' {{NDR|porgendo un thermos al barista della stazione}}: Mi fate una cortesia, mi scaldate un poco il latte per il bambino? <br/> '''Barista''': Subito subito! <br/> '''Michele Abbagnano''': Grazie! <br/> '''Barista''': Prego! <br/> '''Michele Abbagnano''': Uei! vero café espress! {{NDR|porge al barista un altro thermos}} una sbruffata pure a quest'... <br/> '''Barista''': E quanto bbeve 'stu guaglione? <br/> '''Michele Abbagnano''': E dobbiamo arrivare in Germania... grazie... {{NDR|prendendo alcune bustine di zucchero}}: quante ne spettano? <br/> '''Barista della stazione''': Eeh, cumm' ve piace! <br/> '''Michele Abbagnano''': Assai zuccherato! {{NDR|prende altre bustine}} ...però ce le metto dopo, il viaggio è lungo, eh!
{{*|'''Maresciallo Panepino''': Si può sapere quello che è successo? <br/> '''Il ragioniere''': Quest'individuo propina una mistura che mette a repentaglio la vita dei passeggeri! <br/> '''Michele Abbagnano''': E che è, veleno? sarà venuto malamente ma sempre caffé è, no? <br/> '''Sign.ra Valmarana''': Questo lo dice lei! <br/> '''Michele Abbagnano''': Permettete... scusate Marescià... eccolo qua! provatelo voi e vediamo se è caffè! <br/> '''Maresciallo Panepino''': E sì che lo provo, eh! <br/> '''Picone''': Quello c'ha pisciato dentro!<ref>In realtà è stato Amitrano, per vendetta.</ref> <br/> '''Maresciallo Panepino''': E lo debbo provare io? provatelo voi! <br/> '''Michele Abbagnano''': Allora non ci credete? <br/> '''Sign.ra Valmarana''': Bevete 'sto caffé e facciamola finita! <br/> '''Michele Abbagnano''': E certamente... eh!.. {{NDR|porta il bicchiere alle labbra ma si ferma}} mi dispiace solo per questa mancanza di fiducia... {{NDR|si ferma ancora}} la parola dell'uomo una volta contava qualche cosa... {{NDR|posa il bicchiere}} <br/> '''Maresciallo Panepino''': E che è, non lo bevete? <br/> '''Michele Abbagnano''': E lo zucchero non ce lo devo mettere? <br/> '''Maresciallo Panepino''': Abbagnà... eeh? <br/> '''Michele Abbagnano''': E vabbè... {{NDR|lo beve, e con molta difficoltà riesce ad inghiottire}} bbuono!... è tutta roba naturale... }}
 
* '''Ispettore capo''': Allora, come si chiama? {{NDR|Michele Abbagnano non risponde; l'ispettore consulta dei fogli}} Abbagnano Michele... paternità?... N.N... data di nascita?... quando è nato? <br/> '''Michele Abbagnano''': Il giorno che non ne potetti fare a meno... <br/> '''Ispettore capo''': Due ottobre ventisette... <br/> '''Michele Abbagnano''': E se non arrivavate voi oggi potevate scrivere anche la data di morte... <br/> '''Ispettore capo''': Lei non si sarebbe mai buttato...<ref>Abbagnano aveva minacciato il suicidio restando appeso con una mano fuori dal treno in corsa.</ref> <br/> '''Michele Abbagnano''': E che altro potevo fare? mi volevano pigliare tutto, tutto quello che mi serve per campare... <br/> '''Ispettore capo''': Uno che fa tutte queste scene per sopravvivere alla fine non si suicida. <br/> '''Michele Abbagnano''': Ah, e allora per vivere uno si deve suicidare veramente? e poi che ne potete sapere quanto potevo resistere attaccato là fuori con una mano sola! <br/> '''Ispettore capo''': Eh già, sì... l'altra lei non ce l'ha, vero? <br/> '''Michele Abbagnano''': Nossignore. <br/> '''Ispettore capo''': Come mai? <br/> '''Michele Abbagnano''': E che ve lo dico a fare? <br/> '''Ispettore capo''': Perché io lo devo scrivere sul rapporto. <br/> '''Michele Abbagnano''': ...Durante la guerra io mi trovavo vicino a coso... là... come si chiama... <br/> '''Ispettore capo''': Stalingrado. <br/> '''Michele Abbagnano''': Eh!.. un freddo terribbile, neve ghiaccio dappertutto: un inverno così non ve lo potete neanche immaginare... <br/> '''Ispettore capo''': Fischiava il vento e urlava la bufera... <br/> '''Michele Abbagnano''': Ci stavate anche voi? <br/> '''Ispettore capo''': No, io stavo al Ministero... <br/> '''Michele Abbagnano''': E in che epoca? <br/> '''Ispettore capo''': Dal quarantatrèquarantatré. <br/> '''Michele Abbagnano''': E non vi ricordate di me? <br/> '''Ispettore capo''': No... <br/> '''Michele Abbagnano''': E io nel cinquanta facevo il marmista al Ministero del Trasporto a Roma!.. una sera fischiava il... c'era una tramontana terribbile, e una lastra di marmo mi cadde qua sopra e mi tagliò tutti i tendìni dell'avambraccio, e siccome non si poteva fare niente, gentilmente me la amputarono lì stesso là... <br/> '''Ispettore capo''': E l'altro braccio, il destro, se l'è sfracellato in mezzo a due respingenti, vero? <br/> '''Michele Abbagnano''': No, era sempre il sinistro, ma prima che me lo tagliavano! <br/> '''Ispettore capo''': E quello stritolato dal cingolo di un carro armato inglese in Africa durante una tempesta di sabbia? <br/> '''Michele Abbagnano''': Eh, è passato tanto tempo ma è successo veramente! <br/> '''Ispettore capo''': E quello bruciato per salvare i bambini dall'incendio? <br/> '''Michele Abbagnano''': E purtroppo anco questo è successo! <br/> '''Ispettore capo''': Ma lei quante braccia ha? è successo tutto a lei? <br/> '''Michele Abbagnano''': Non propriamente a me, ma è successo a tanta gente, non poteva capitare pure ammè?
 
{{*|'''Ispettore capo''': Allora, lei è mutilato o no? questo braccio di legno è vero o falso? <br/> '''Michele Abbagnano''': Cerco scusa, ma voi volete sapere se è vero che è vero o se è vero che è falso? <br/> '''Ispettore capo''': Che cosa? <br/> '''Michele Abbagnano''': Em... volete sapere se è falso il braccio o se è falso che è vero? <br/> '''Ispettore capo''': Senta... la smetta con questi giochetti, non le conviene... <br/> '''Michele Abbagnano''': Ispettò, io la verità ve la potrebbe anche dicere... {{NDR|Guarda infastidito il controllore Scognamilio}} ma a voi solo! <br/> '''Ispettore capo''': Sto aspettando! <br/> '''Michele Abbagnano''': E io pure! <br/> '''Ispettore capo''': Che cosa? <br/> '''Michele Abbagnano''' {{NDR|Fissa Scognamilio}}: Oì... chisto pare ca niente fa... eppure scassa 'o cazz'!}}
69 545

contributi