Differenze tra le versioni di "Augustin-Louis Cauchy"

m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici"
(opera e citazioni)
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
 
==''Première Leçon: discours d'ouverture''==
*Certo, non possiamo negarlo, esistono verità di gran lunga sublimi perché i nostri calcoli possano coglierle e, se è un obbligo per l’Uomol'Uomo conoscere ed osservare le leggi che devono reggere il mondo morale, non gli è stato affidato certo il compito di fondarle.
*L’UomoL'Uomo non saprebbe fare a meno della verità. Senza di essa non riuscirebbe a vivere. È una delle condizioni della sua esistenza, così come lo alimenta l’arial'aria che respira.
*Se chiedessi a chiunque sia trasportato da tale generalizzato impulso dei sensi, quale sia il fine delle sue angosciose ricerche, la risposta sarebbe, senza ombra di dubbio: la conquista della verità. Infatti, non è forse per raggiungere la verità che ci si immerge nelle polverose biblioteche per conoscere, in ogni dettaglio, le leggi dei popoli antichi, per rettificare qualche data, ovvero per assodare fatti da poter aggiungere alle prove dell’esistenzadell'esistenza dei secoli passati?
*Sì, senza dubbio, Signori, la ricerca della verità deve essere il fine ultimo di ogni scienza.
 
69 545

contributi