Differenze tra le versioni di "Gianni Baget Bozzo"

1 210 byte aggiunti ,  10 anni fa
nessun oggetto della modifica
 
== Citazioni di Gianni Baget Bozzo ==
{{Intestazione|''Io credo. Il simbolo della fede parola per parola-Lettera a un vescovo su «Chiesa e Occidente»'', Mondadori, 2003}}
* L'occidente ha perduto la fede ma non la sapienza e la speranza della fede... le radici cristiane dell'occidente appaiono proprio quando esse non sono più riconosciute (p. 107 [http://www.kelebekler.com/occ/bagboz.htm])
*Il primato della libertà personale - scrive don Gianni riferendosi all'ordinamento sociale - indica la trascendenza della persona sulla società... questa idea è un'eredità cristiana: è la vita divina comunicata alla persona dal Verbo Incarnato, Gesù Cristo: ogni persona è divenuta un fine rispetto alla società in ragione del primato di Gesù Cristo come persona che vive nelle altre persone (p. 136).
* l'Europa ha ricevuto dagli Stati Uniti nella libertà l'impronta della Cristianità". (p.137)
*L'occidente, il concetto nato nella lotta contro il nazismo e il comunismo... è la versione laica e liberale della Cristianità soprattutto grazie agli Stati Uniti... opponendosi agli Stati Uniti a tutti i livelli la Chiesa lotta contro la Cristianità di cui l'occidente è il frutto (p. 144 [http://www.kelebekler.com/occ/bagboz.htm]).
 
 
*Ho sempre notato che l'unica figura definita dal vangelo "iniqua" è quella di un giudice: e mi pareva una definizione azzeccata. Il [[fascismo]] era stato meno odioso di questa burocrazia togata che usava la violenza in nome della giustizia. Nella storia d'Italia, se la libertà avesse prevalso, come ormai mi sembra certo, i nomi dei magistrati di Milano, i [[Antonio Di Pietro|Di Pietro]], i [[Francesco Saverio Borrelli|Borrelli]], i [[Piercamillo Davigo|Davigo]], le [[Ilda Boccassini|Boccassini]] sarebbero per sempre stati "''signati nigro lapillo''" come figure da ricordare con orrore, quelle del giudice iniquo. (citato in Lorenzo Fuccaro, ''[http://archiviostorico.corriere.it/2004/gennaio/25/Fascismo_meno_odioso_della_burocrazia_co_9_040125011.shtml «Fascismo meno odioso della burocrazia togata»]'', ''Il Corriere della Sera'', 25 gennaio 2004, p. 3)
 
 
*[[Maurizio Costanzo|Costanzo]] non mi piace. Litigammo nel '94 quando fece trovare a [[Silvio Berlusconi|Berlusconi]] un pubblico di persone ostili. [[Bruno Vespa|Vespa]] invece ha creato ''Porta a Porta'', un capolavoro. È stato più utile lui di [[Maurizio Costanzo|Costanzo]]. ''Porta a Porta'' è la cosa più utile che ci sia per il centro-destra. (dall'intervista di [[Claudio Sabelli Fioretti]], ''Sette'', 11 marzo 2004; citato in [[Marco Travaglio]], ''[http://www.repubblica.it/2003/k/rubriche/cartacanta/27-novembr/27-novembr.html Carta Canta – Vespa a Vespa]'', ''la Repubblica'', 27 novembre 2007)
 
 
* {{NDR|Sul possibile successore di [[Silvio Berlusconi]]}} Il problema non si è ancora posto, per il momento. Comunque attualmente le due ipotesi più probabili sono [[Gianfranco Fini]] e [[Giulio Tremonti]]. A pari merito. [...] Non vedo donne come futuro leader, in Forza Italia nessuna è pronta e nemmeno in tutto il centrodestra. (citato in ''[http://iltempo.ilsole24ore.com/politica/2008/08/26/918599-fini_tremonti_leader_corsa_dopo_silvio.shtml «Fini e Tremonti i leader in corsa per il dopo-Silvio»]'', ''Il Tempo'', 26 agosto 2008)
292

contributi