Differenze tra le versioni di "Ernesto Olivero"

opera e citazioni
(sistemo, vedi discussione)
(opera e citazioni)
 
*Mi telefona don Tony, un mio amico [[prete|sacerdote]] di [[Alba (CN)|Alba]], e mi dice: «Ernesto, se ci fai trovare i mattoni noi sabato e domenica veniamo con dieci muratori e tiriamo su tutti i muri che vuoi». Io non avevo un solo mattone, ma dico: «I mattoni li ho: venite pure!».<br> [...] Al martedì sera lancio un appello nella preghiera: «Amici miei: abbiamo bisogno di 50.000 mattoni. Qualcuno di voi può aiutarci?». Durante la notte sogno mattoni dappertutto.<br> Quando mi sveglio, vado a lavorare al San Paolo di via Monte di Pietà e alle prime cinque persone che incontro dico: «Guardi, avrei bisogno di 10.000 mattoni. Può farmeli avere in Piazza Borgo Dora 61?». <br>Nel giro di poche ore arrivano 50.000 mattoni.<br>[...] Un sabato e una domenica: 10 muratori, 120 ragazzi, 50.000 mattoni e i muri dell'Arsenale che crescono rapidamente, sotto gli occhi incuriositi di una piccola folla che si è radunata per assistere a quello spettacolo inconsueto. (da ''Dio non guarda l'orologio'', Mondadori, pag. 80-81)
 
{{intestazione|''La lezione di Ernesto Olivero'', di Stefano Dadamo in ''Varesenews'', 23 febbraio 2008.}}
*Pregare molte ore al giorno per restare umili, non prendere decisioni importanti senza il sì o il no di un uomo di Dio, farsi dominare dal pensiero dei giovani, non saltare mai sul carro di nessun vincitore, essere sempre idealmente all'opposizione.
*Dio è vivo, anche quando tutti dicessero che è morto.
*{{NDR|I giovani sono}} i più feriti oggi, non possono essere futuro se non sono il presente e vivono di cattivi esempi. Bisogna farli parlare liberamente. Io li amo, per questo gliene dico tante.
*Basterebbe un pugno di giovani buoni per rivoluzionare la chiesa e il mondo.
*Le croci si portano, la verità alla fine viene a galla, anche senza conferenze stampa.
*
 
==Altri progetti==
12 407

contributi