Tommaso Mazzoni

Iscritto il 13 set 2008
nessun oggetto della modifica
m (AFORISMI E PENSIERI)
«Laddove vi siano ricchezze, reali o presunte, più frequentemente avvengono immigrazioni.
Se un popolo non è retto da dirigenti intelligenti, capaci e forti, può anche rischiare di venir colonizzato, col tempo, da immigranti agguerriti od anche in apparenza mansueti. Nel corso della storia è già accaduto più di una volta in molti paesi: niente vieta di pensare, quindi, che possa pure accadere di nuovo.
Vi è sempre necessità, in un popolo, di eleggere a loro governanti persone cólte, certo, ma che siano però anche pronte a individuare i reali problemi della loro nazione, mettendo da parte i personalismi, se e quando necessario, e ridimensionando così il valore delle annesse poltrone dai molteplici, sovente troppi, ambìti privilegi.
Ma, lo giurerei, prevarranno ancora in ogni dove i frequenti radicati egoismi.
Ed ecco che certi popoli si troveranno ancora ad essere sconfitti per le medesime ragioni, paragonabili a quelle della scimmietta della favola che, per non aprire la mano e non voler mollare la nocciolina dentro il vaso dal collo stretto, ovvero la propria personale, futile preda, si fa catturare.
Oh, Socrate, Socrate...
Ma di questo filosofo sembra talvolta esser preso a modello solamente la vicenda più irrilevante: quella di Mirto, la sua concubina».
 
«Afferma Charles Darwin: “Se non fosse stato per l’uomo a classificare se stesso, nessuno avrebbe mai pensato di creare per lui un nuovo ordine per collocarvelo”.
Detta affermazione mi ha indotto a pensare che pure i tanti esseri impossibilitati a difendersi dall’uomo, quali gli animali, siano costretti, in talune circostanze, a sottostare al suo volere.
Parimenti, se non fosse stato per l’impossibilità a difendersi dalle imposizioni degli spesso autoelettisi regnanti del passato, mai nessuno avrebbe pensato di creare, per l’uomo, un nuovo ordine, nel collocare cioè le loro maestà al disopra di altri uomini, impossibilitati talvolta a salvaguardarsi dai non infrequenti quanto inalienabili strapoteri». Tommaso Mazzoni (n. 1928), Aforismi e pensieri.
 
«In una tornata elettorale, il comportamento di un determinato candidato influisce certo sul fatto che questi possa venire eletto, o battuto.
Poiché, in democrazia, è fortunatamente il popolo a decidere - basandosi, per la scelta, su chi meglio risponde alle aspettative di ciascun elettore -, è tuttavia anche ammissibile che venga preferito un differente candidato rispetto a chi era prima in carica.
Il nuovo eletto, salvo eccezionalità inipotizzabili, avrà però caratteristiche affini al suo predecessore, giusto perché corrispondenti a ciò che auspica quello stesso specificato elettorato; per la gioia dei consenzienti e la buona pace degli avversari.
A conferma di ciò, andrebbe, infatti, tenuto presente il detto che “ogni popolo ha il governo che si merita”. E ciò, penso, dovrebbe valere anche nei casi in cui, ad essere eletto, sia un altro». Tommaso Mazzoni (n. 1928), Aforismi e pensieri.
 
«¿Chi mai può capire, oggi, anche spiegandoglielo accuratamente, cosa è realmente accaduto nel corso della seconda guerra mondiale, in special modo riguardo ai tragici fatti conosciuti sotto l’ormai quasi purificata espressione di “olocausto”?
Uno che non li abbia vissuti o visti da vicino, tali luttuosi avvenimenti, stenta a comprenderli; e posso capirlo: sarebbe come volere per forza far intendere in cosa consista realmente la vita a un giovanissimo, il quale, per natura, tende a vedere, della vita, soltanto tutto il bene possibile. Non interpreta il male; non gli è stato concesso di concepire il male. E non può quindi immaginare in cosa la vita, realmente, poi, consisterà.
Differente è il caso dell’adulto che, se vuole, può arrivare a comprendere e, ancora se lo vorrà, ricordare ed insegnare ai distratti dell’immane tragedia che dovrebbe far provare vergogna per il solo fatto che umani possano aver trattato propri simili in modo così atroce, ma di tali e così grandi dimensioni, da doversi qualificare indescrivibili, “impossibili”.
E proprio quest’ultimo aggettivo - inintenzionalmente, è ovvio - ha ceduto spazio ai negazionisti, i quali, ideando una altrettanto non altrimenti qualificabile malvagità col respingere appunto l’evidenza, hanno sommato, all’infamia, rinnovata infamia». Tommaso Mazzoni (n. 1928), Aforismi e pensieri.
 
«L’arte, rendendo libero l’uomo da tutti i suoi difetti fisici e dalle più basse attività corporali, anche nei casi di raffigurazioni fra le meno illustri, si manifesta, per questo, in tutta la sua pregnante e sfolgorante nobiltà. Tuttavia, come una tela di famoso pittore - che a volte si deve guardare non troppo da vicino perché non ci si possa render conto di qualche pelucchio o piccolo difetto -, così anche l’artista andrebbe valutato soltanto in quanto tale, poiché, talvolta, il nome di uomo potrebbe anche nemmeno meritarlo». Tommaso Mazzoni (n. 1928), Aforismi e pensieri.
 
«C’è chi parla o scrive esprimendo concetti completi, ma non rendendosi sempre pienamente conto di quel che afferma pur possedendo una sua specifica e completa preparazione linguistica formale.
C’è chi riesce invece a esprimere soltanto qualcosa, e non sempre nel modo dovuto, non essendo a conoscenza della tecnica del linguaggio. Però possiede le idee.
C’è chi, in possesso dei pieni requisiti linguistici formali e intellettivi ed è anche fornito di idee; come pure sa esprimersi, coordinare, scrivere puntualmente e spesso anche con piena disinvoltura, bellezza ed eleganza: costui è un vero scrittore.
C’è infine chi scrive, sia fuori, sia dentro le regole seguendo soprattutto i dettami della sua ispirazione ed inventiva: costui è un vero poeta.
E tu che lèggi, ciò che descrive il poeta; t’immedesimi, con il poeta; tu che soffri, o ti bèi, con il poeta; tu che arrivi a captare, se non il senso, l’essenza di ciò che esprime il poeta; tu che lo segui nelle abissali profondità come su, in alto, verso le lambite vette estreme che egli riesce appunto a sfiorare; tu che sei capace di seguire le passioni, gli slanci del poeta... Allora non vi sono dubbi, tu sei in sintonia col poeta e, nel tuo intimo, poeta, sei pure tu». Tommaso Mazzoni (n. 1928), Aforismi e pensieri.
 
«Ogni qualvolta che, pur non riuscendo a comprenderne i significati, leggiamo uno scritto o ascoltiamo una musica e ne proviamo un’emozione; ogni qualvolta che ci troviamo turbati davanti a una persona, a un’immagine, o notiamo espressioni, atteggiamenti, situazioni di per sé emozionanti, e noi ci commuoviamo... ebbene, siffatte ”realtà”, esse stesse, sono poesia». Tommaso Mazzoni (n. 1928), Aforismi e pensieri.
 
«Una stampa cinica e mercenaria prima o poi creerà un pubblico ignobile» - Joseph Pulitzer (1847-1911), da Biografieonline.it
 
A mia madre:
«Sotto la parvenza di un irrinunciabile, eterno amore, mamma, hanno ingannato anche te al pari di tutte le altre madri di questo mondo.
Che io, figlio tuo e frutto di quel tuo medesimo amore, possa almeno essere stato degno - e continuare ad esserlo - della dedizione, delle cure e di tutte le insostituibili attenzioni con cui mi hai coperto fino dai miei primi attimi di vita!». Tommaso Mazzoni (n. 1928), Aforismi e pensieri.
 
Facendo clic qui, a fianco di uno dei redirect, è possibile accedere, gratuitamente e legalmente, a tutti i libri online di Tommaso Mazzoni: #REDIRECT [[http://www.tommasomazzoni.it]] oppure #REDIRECT [[http://www.tommasomazzoni.eu]]
45

contributi