Differenze tra le versioni di "Totalitarismo"

m
refuso
(citazioni di Massimo Corsale, elimino stub)
m (refuso)
*È ben noto che il termine ''totalitarismo'' è stato coniato e usato per la prima volta in [[Italia]], con riferimento al [[fascismo]]: si capisce quindi come la connotazione con cui l'usava [[Giovanni Amendola]] nel 1923 non potesse essere che negativa. Ma successivamente il [[fascismo]] non solo non si sottrasse a quella definizione, ma addirittura fece suo il termine dandogli una connotazione decisamente positiva.
*Il totalitarismo è la forma di negazione delle libertà politiche tipica dell'epoca della [[società di massa]].
*Il totaltarismototalitarismo è un regime del nostro tempo, come è stato definito da [[Domenico Fisichella|Fisichella]]. Le caratteristiche per le quali lo si può considerare un regime del nostro tempo sono eminentemente due: innanzitutto il suo rapporto con la [[società di massa]], e in secondo luogo il suo rapporto con una determinata concezione della politica che a sua volta si presenta nell'età contemporanea (così come del resto la società di massa).
*Il totalitarismo è una forma di regime politico autoritario e anti-liberale tipico del nostro secolo in quanto esso ha una stretta connessione con fenomeni come la massificazione, la mobilitazione sociale (nel senso di [[Gino Germani|Germani]]) con conseguente ritiro del consenso passivo (nel senso di [[Pierre Bourdieu|Bourdieu]]) a livello di massa, e con la concezione demiurga della politica.