Differenze tra le versioni di "Giobbe Covatta"

citazioni, link
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
(citazioni, link)
*Poi creò il [[coccodrillo]], e subito dopo la maglietta. Così mise il coccodrillo sulla maglietta, e fu un grande successo.
*In sei giorni il Signore aveva creato tutte le cose: il sole, la luna, quello scemo di [[Maradona]], i puffi, la forfora, e tutti gli animali del creato, tranne [[Giulio Andreotti|Andreotti]], che era già suo segretario da tempo immemorabile.
*E [[Adamo]] ed Eva abbandonarono il [[Paradiso]] terrestre, e affittarono una caverna: due stanze, servizi e cucina abitabile, contratto uso foresteria (p. 23)
*E allora il Signore disse: «Orsù, prendiamo del fango. Orsù, impastiamolo. Poi ci sputò sopra, e nacque [[Adamo]]. E Adamo, asciugandosi il viso, disse: «Cominciamo bene!».<ref name=giobbe>Citato nello spettacolo ''Paraboleiperboli''.</ref>
*In quella Eva si trovava vicino a un albero; a un tratto si girò e vide un serpente. E disse: «Che schifo!» «Sei bella tu!» rispose il serpente, che era permaloso.<ref name=giobbe />
*E il serpente guardò [[Adamo]] e disse: «Chillo è n'ora che va parlanno co' nu porco... Ti pare intelligente?»<ref name=giobbe />
*E il Signore disse: «Donna, tu partorirai con gran dolore. Uomo, tu lavorerai con gran sudore, ammesso che troverai lavoro. E la Terra produrrà spine e sofferenze». E [[Adamo]] disse: «Ma santo Dio, tutto questo per una mela? Domani te ne porto un chilo...»<ref name=giobbe />
*E il Signore disse: «Adamo, non fare il cretino, e smetti di fornicare»<br>«E va be', e le mele no, e fornicare no... Tu hai bisogno di uno psicanalista!» (p. 24)
*È lecito chiedersi come Caino e Abele abbiano potuto generare l'umanità.
*In quel tempo il Signore aveva deciso di distruggere Sodoma, città di sodomiti. In questo luogo, come dice la parola stessa, si praticava la sodomia, e tutti si conoscevano l'un l'altro facendo una grande confusione, perché gli uomini erano diventati come donne, ma dall'altra parte, e nessuno si affacciava al davanzale perché anche in famiglia ci si fidava poco.
*Dalla seconda lettera ai Corinti. Cari Corinti, potevate almeno rispondere alla prima! Siete dei bei cafoni. Distinti saluti, Paolo. <ref name=giobbe />
 
{{NDR|Giobbe Covatta, ''Parola di Giobbe'', traduzione di Paola Catella, Adriano Salani Editore. ISBN 88-7782-492-1}}
 
==''Pancreas: trapianto del libro Cuore''==
15 808

contributi