Differenze tra le versioni di "Jacopo Sannazaro"

(Nuova pagina: Jacopo Sannazaro (1457 – 1530), poeta e umanista italiano. *''Mergelina vale; nostri memor et mea flentis | serta cape, ehu! domini munera avara tui''. (citato in prefazione ad ''A...)
 
(→‎Citazioni: fonte)
===Citazioni===
*Selvaggio ed Ergasto<br>'''Selvaggio''': ''Ergasto mio, perché solingo e tacito | pensar ti veggio? Oimè, che mal si lassano | le pecorelle andare a lor ben placito. | Vedi quelle che 'l rio varcando passano; | vedi quei duo monton che 'nsieme correno, | come in un tempo per urtar s'abassano. | [...] A dire il vero oggi è tanta l'inopia | di pastor, che cantando all'ombra seggiano, | che par che stiamo in Scitia o in Etiopia. | Or, poi che o nulli o pochi ti pareggiano | a cantar versi sì leggiadri e frottole, | deh canta omai, che par che i tempi il cheggiano''.<br>'''Ergasto''': ''Selvaggio mio, per queste oscure grottole | Filomena nè Progne vi si vedono; | ma meste strigi et importune nottule. | [[Primavera]] e suoi dì per me non riedono, | nè truovo erbe e fioretti che mi gioveno; | ma solo pruni e stecchi che 'l cor ledono. | Nubbi mai da quest'aria non si moveno, | e veggio, quando i dì son chiari e trepidi; | ma attendo sua ruina, e già considero | che 'l cor s'adempia di pensier più lepidi''. (Prosa prima, p. 7 -8)
*Montano et Uranio<br>'''Montano''': ''Per [[pianto]] la mia carne si distilla, | sì come al sol la neve, | o com'al vento si disfà la nebbia, nè so che far mi debbia. | Or pensate al mio mal qual esser deve''.<br>'''Uranio''': ''Or pensate al mio [[Male|mal]], qual esser deve; | che come cera al foco, | o come foco in acqua mi disfaccio; | nè cerco uscir dal laccio, | sì mi è dolce il tormento, e 'l pianger gioco''. (prosa seconda, p. 16)
 
==Bibliografia==
15 808

contributi