Apri il menu principale

Modifiche

167 byte aggiunti ,  10 anni fa
m
sistemo fonte
'''Tullio Kezich''' (1928 - vivente), critico cinematografico, sceneggiatore e attore italiano.
 
*Straordinaria tragicommedia dove le più svariate e raffinate componenti intellettuali si innestano su una trama di genere, ''[[Fargo]]'' gioca a opporre la normalità del [[bene]] alla normalità del [[male]]: l’una e l’altra sono rappresentate con ineffabile ironia in situazioni e dialoghi essenziali. I personaggi appaiono immersi nel torpore della vita provinciale, sia quelli che hanno trascurato di mettere l’orologio all’ora attuale, sia quelli che si illudono di incrementare il proprio destino con spunti di cinismo o atti di violenza. Tutti guardano la Tv: ladri, guardie e gente comune. E Marge, in particolare, è una donna comune di tipo non comune: la prova vivente che nella confusione odierna l’attaccamento tranquillo ai propri compiti (il marito, la famiglia che cresce, il dovere del servizio) rappresenta l’unica alternativa. [...] Vorrei concludere, profetizzando: è un film che resterà. (dalda ''[http://archiviostorico.corriere.it/1996/maggio/15/America_dei_fratelli_Coen_centro_co_0_9605155466.shtml L'America dei fratelli Coen fa centro a Cannes]'', ''Corriere della Serasera'', 15 maggio 1996, p. 31)
 
==Altri progetti==