Differenze tra le versioni di "Giuseppe Marello"

→‎Scritti: citazioni
(→‎Scritti: citazioni)
(→‎Scritti: citazioni)
*Chi ha pazienza in ogni loco non fa poco.
*Coloro che cercano di far cadere il discorso sopra se stessi sono come bambini che soffiano nella cannuccia per fare le bolle di sapone.
*I santi furono più tentati di noi e vinsero.
*Il demonio spesso ci fa un quadro dipinto a vividi colori dei difetti altrui, ed oscura i nostri.
*Il molto parlare non è mai senza peccato.
*Il Signore ci ha fatto più benefici dei capelli che abbiamo in capo.
*L'amore si alimenta di sacrifici.
*La malignità non entra in Paradiso.
*La tristezza è nemica del bene.
*Le due ali per volare in Paradiso sono la purità e l'umiltà.
*Per serbarci umili pensiamo che se gli altri avessero ricevuto le grazie che abbiamo ricevuto noi sarebbero già santi.
*Prendere le forbici e tagliare i pensieri vani.
*Quando hai meno volontà di proferir parola allora è tempo di parlare.
*Quando si deve trattare con il prossimo prendere dalla parte dove non c'è amor proprio.
*Quando siamo tribolati facciamo quello che consiglieremmo agli altri.
*Semplicità è anche stare a sentire per mezz'ora una persona che dia i nervi.
*Trattare più bene chi, per qualche ragione, non lo merita.
*Umiltà vuol dire verità.
 
{{NDR|Giuseppe Marello, ''Scritti'', Miscellanea, Studi e documentazioni marelliane, 1978}}
12 407

contributi