Apri il menu principale

Modifiche

1 727 byte aggiunti ,  10 anni fa
''La Dama Bruna''
==''Soltanto scherno per l'amore''==
===[[Incipit]]===
«Sono felice che conosciate il vostro dovere, poichédapoiché da venti anni circa è norma nota e stabilita in [[Inghilterra]] che i primi approcci onde vengan costantemente fatti dalle dame che aspirano a conoscermi; e quanto più alto era il loro rango, tanto più grandi sono sempre stati tali approcci».<br>Che si deve pensare quando un uomo, sia pure di immenso genio osa scrivere a una signora parole del genere? Soprattutto, come va giudicato quest'uomo – anche se si chiama [[Jonathan Swift]] – sapendo che adopera un simile tono sull'inizio del secolo XVIII, quando le distanze sociali hanno ancora un'importanza enorme anche in Inghilterra? Ricordando che la lettera dalla quale è tolto questo brano è indirizzata a Caterina di Queensberry, moglie di ''Chief Justice'', duchessa, ricchissima, celebre non solo per l'eccentricità, ma per la grazia, lo spirito, la cultura?
===Citazioni===
*Cambiar nome all'essere che si ama, o che si presume di amare, è già un'inavvertita ammissione di scontentezza.
 
{{NDR|Olga Ceretti, ''Soltanto scherno per l'amore'', Historia, luglio 1968 n. 128}}
 
==''La Dama Bruna''==
===[[Incipit]]===
A chi e a che cosa pensava [[William Shakespeare|Guglielmo Shakespeare]], quali ricordi amari rimuginava quando, la penna stillante tossico, scriveva il verso celebre in cui parla del ritorno di un uomo ''ad una buia casa, ad una moglie odiata?'' Alcuni studiosi sono inclini a ritenere che fosse proprio la donna rimasta a Stratford-on-Avon a ispirargli la malinconica immagine.
===Citazioni===
*Oltre tre secoli e mezzo sono stati impiegati da studiosi e ricercatori nella affannosa caccia a questa incognita femminile {{NDR|La Dama Bruna}}, della cui presenza nella vita di Shakespeare si è ben sicuri, senza per questo arrivar mai a concretarla in un personaggio tangibile di carne e di ossa, vestito di panni veri, fornito di un nome comprovato storicamente.
*Odio-amore, ecco quello che troviamo nei sonetti dove si parla di lei {{NDR|La Dama Bruna}}: un sentimento ambivalente, tale da formar la gioia dei seguaci di [[Sigmund Freud]]. E vi troviamo anche una certa qual difesa delle attrattive brune contro quell'aureo biondo che costituisce l'ideale dell'epoca. I negri americani, quando gridano «''Black is beautiful''», ricordano forse di aver avuto un così insigne precedessore?
*A poco a poco, Lucy Negro (forse questo era un soprannome) precipitò, più che discese, lungo tutti i gradini della scala sociale alla cui sommità si era trovata per qualche tempo, divenendo prostituta dapprima, poi tenutaria di una casa di piacere.
*La fine della storia è edificante: dopo tanto peccare, Lucy Negro, alias Lucy Morgan, ovvero «Old Lucille», si convertì al Cattolicesimo Romano e morì pentita prima del 1610: i maligni dissero dei postumi di una malattia venerea.
 
[[Categoria:Scrittori italiani|Ceretti, Olga]]
15 808

contributi