Antonio Bello: differenze tra le versioni

1 303 byte aggiunti ,  13 anni fa
opera e citazioni
Nessun oggetto della modifica
(opera e citazioni)
 
{{NDR|Antonio Bello, ''Fotografie del futuro. Le beatitudini come stile di vita'', Paoline, 2003}}
 
==''Maria donna dei nostri giorni''==
*Accogliere talvolta è segno di rassegnazione. Attendere è sempre segno di speranza.
*{{NDR|Maria}} Allenta gli ormeggi delle nostre paure, perché possiamo sperimentare come te l'abbandono alla volontà di Dio nelle pieghe prosaiche del tempo e nelle agonie lente delle ore.
*Attendere: infinito del verbo amare. Anzi, nel vocabolario di Maria, amare all'infinito.
*{{NDR|Siamo}} Convinti che per affermarsi nella vita bisogna saper parlare anche quando non si ha nulla da dire, siamo diventati prolissi e incontinenti.
*Giunti alle soglie del terzo millennio, ci sentiamo purtroppo più figli del crepuscolo che profeti dell'avvento.
*Santa Maria, donna feriale, forse tu sola puoi capire che questa nostra follia di ricondurti entro i confini dell'esperienza terra terra, che noi pure viviamo, non è il segno di mode dissacratorie.
*Santa Maria, donna feriale, liberaci dalle nostalgie dell'epopea, e insegnaci a considerare la vita quotidiana come il cantiere dove si costruisce la storia della salvezza.
*Santa Maria, donna senza retorica, prega per noi inguaribilmente malati di magniloquenza.
*Se oggi non sappiamo attendere più, è perché siamo a corto di speranza.
 
{{NDR|Antonio Bello, ''Maria donna dei nostri giorni'', San Paolo Edizioni, 1996}}
 
==Altri progetti==
12 407

contributi