Differenze tra le versioni di "Joseph L. Mankiewicz"

nessun oggetto della modifica
 
==''Joseph L. Mankiewicz''==
*Sono un tipo molto, molto introverso. Non penso di aver mai detto la verità o di essermi fidato di qualcuno alla maniera delle persone estroverse. [...] Nei miei [[film]] c'è sempre un personaggio identico a me. Perchè sorprendervi? Sono un eretico - un anatema per chi trova che sia molto più facile puntare una macchina da presa che dirigere un attore. I miei film parlano un sacco - diavolo, anch'io parlo un sacco; avete abbastanza nastri? Al meglio, suppongo, spero di essere stato di quando in quando un abile e forse tagliente commentatore dei modi e dei costumi della nostra società. Al peggio, un descrittore, diciamo, dei vari aspetti della condizione umana e del background sociale attorno a essa. Nei casi ancora peggiori, una lagna. [...] Non sono certo di essere solo uno dei veterani del cinema oppure la più vecchia [[Prostituzione|puttana]] rimasta a battere!
*[[Michelangelo Antonioni|Antonioni]] e l'[[Arte]]? Allora che termini dovremmo usare per [[Eschilo]], [[Aristofane]] e gli altri? Film come Arte? Penso che sia presto per dirlo, per parecchie generazioni. Naturalmente il film è una forma d'arte, ma con la a minuscola. Come gli affreschi sui pavimenti, che sono in circolazione da molto più tempo. Non sono preparato a citare due, venti, o un solo film da far vedere agli studenti delle scuole tra duecento anni. Forse staranno ancora assorbendo il miracolo di [[William Shakespeare|Shakespeare]].
*Ho sempre saputo di appartenere più al teatro che al cinema. E' come se il teatro fosse la sola donna con cui voglio andare a letto, e mi ha sempre respinto. [[Elia Kazan|Kazan]] se n'è accorto subito. [...] Adoro il teatro, adorerei scrivere per il teatro. Ho degli appunti per una mezza dozzina di commedie, ma tutte le volte scatta uno strano blocco. Suppongo di aver paura di essere rifiutato. I film che non ho diretto non mi mancano come le commedie e i libri che non ho scritto. In questo senso, penso di essere stato una puttana.
*[[Louis B. Mayer]] era un uomo malvagio. Mi ha fatto un favore: mi ha fatto produrre ''[[Furia (film 1936)|Furia]]''. Non gli piaceva il soggetto, non era interessato ai film a sfondo sociale. Ma [[Irving Thalberg|Thalberg]] stava producendo ''[[Giulietta e Romeo (film 1936)|Giulietta e Romeo]]'', e Mayer voleva avere un suo pargolo "intellettuale" da sbattergli in faccia. E questo era ''Furia''.
*Almeno, [[Louis B. Mayer|Mayer]], [[Jack L. Warner|Warner]], [[Harry Cohn|Cohn]], questi uomini orribili, amavano quello che facevano e pensavano che i ducati che avevano creato dovessero esistere per sempre. Ora è diventato un mestiere da contabili, e il creatore non è mai stato in acque più cattive.
*Se dovessi scegliere tra un attore che "sente" il suo ruolo e un attore che lo "capisce" prenderei sempre il secondo. L'ideale, naturalmente, è una combinazione dei due. L'attore che pensa e che può controllare le sue emozioni è un grande attore, ma l'attore che gioca sulle sue emozioni e non pensa è troppo diffuso nella nostra epoca. Tutti quegli attori che vi dicono: «Lasciatemelo dire a modo mio» e che disprezzano il dialogo a scapito della pretesa improvvisazione: non è soltanto un'assurdità, è anche un'oscenità.
*È mia opinione che, storicamente, l'attore possa aver preceduto il fuoco, la ruota, l'ascia, la mazza — ogni importante manifestazione della creatività umana, davvero — tranne forse l'omicidio e il far baccano.
*{{NDR|su [[Judy Garland]]}} È stata la più terribile delle perdite, e forse il più grande talento gettato via.
*[[Thelma Ritter]], l'adoravo. Thelma rappresentava quel raro talento d'attrice che lo sceneggiatore e/o il regista deve custodire gelosamente come un violinista farebbe con uno [[Antonio Stradivari|Stradivari]].
*[[Humphrey Bogart|Bogart]] voleva che si avesse un po' paura di lui. Voleva assicurarsi che voi sapeste che lui era un tipo imprevedibile. [...] Bogie era la libertà iconoclasta in una società che si occupava di icone: Hollywood. Il cinismo che la parte richiedeva (Harry Dawes in ''[[La contessa scalza]]'') era suo per natura.
*{{NDR|su [[Ava Gardner]]}} Una vera figlia della natura.
*{{NDR|su [[Jean Simmons]]}} Il sogno, una ragazza con un talento fantastico ed enormemente sottovalutata. Uno si domanda come non sia diventata quella grande star che avrebbe potuto essere. Ma non sembrava importarle tanto.
*[[Katharine Hepburn|Kate]] voleva dirigersi da sola in ''[[Improvvisamente l'estate scorsa]]''. È una battaglia che non penso che un regista possa permettersi di perdere.
*{{NDR|su Katharine Hepburn}} L'attrice dilettante più esperta del mondo.
*[[Montgomery Clift|Monty Clift]] era un tipo difficile. Ha letto il libro di [[John Huston|Johnny Huston]]? Anche lui c'è passato. L'uomo era impossibile. Non mi hanno mai detto grazie per la fatica che ho fatto.
*{{NDR|su [[Marilyn Monroe]]}} Pensavo a lei, allora, come alla persona più sola che avessi mai conosciuto. Per tutto il periodo delle riprese a San Francisco, forse due o tre settimane {{NDR|per ''[[Eva contro Eva]]''}}, Marilyn la si vedeva seduta da sola in un ristorante o in un altro locale. O bere da sola. Le chiedevamo sempre di unirsi a noi, e lo faceva, e sembrava contenta. Ma in qualche modo non capì o accettò mai che dessimo per scontato che era una di noi. Rimaneva da sola. Non era una solitaria. Era davvero sola.
*Penso che [[Laurence Olivier|Larry Olivier]] avesse fatto sacrifici tremendi, soprattutto per il teatro. Merita la sua posizione come primattore del teatro in lingua inglese: non ha rivali. Ma viveva con una disciplina: aveva viaggiato in abbonamento da Brighton per anni, aveva vissuto del magro salario che il National Theatre gli pagava, mantenuto da tutte quelle piccole parti nei film. [...] [[Marlon Brando|Marlon]] non ha mai avuto questo tipo di disciplina. Aveva un talento selvaggio che poteva essere imbrigliato, ma non si poteva controllare l'uomo. Certamente non aveva l'amore per il teatro che ha Larry.
*''[[Cleopatra (film 1963)|Cleopatra]]''... i tre film più difficili che ho mai fatto. [...] ''Cleopatra'' è stato concepito in emergenza, girato in isteria e finito in un cieco terrore, ma ogni sforzo per dar la colpa dei costi a [[Elizabeth Taylor|Miss Taylor]] è ingiusto... Miss Taylor può aver avuto problemi di salute e problemi sentimentali, ma non è costata alla Twentieth 35 milioni di dollari!
*Noi trascuriamo le [[Donna|donne]], perché sono gli esseri umani più complicati e, nello stesso tempo, quelli che offrono di più in cambio agli sceneggiatori e ai registi. La donna può dire sì e no nello stesso tempo. La donna vuole e non vuole nello stesso istante. La donna mente e dissimula infinitamente meglio dell'uomo, perché è stata obbligata a farlo nella nostra società. Ma detesterei che perdesse i suoi meravigliosi attributi. Sono anche attributi naturali. Invidio loro i superiori mezzi per affrontare la vita. Le trovo infinitamente più affascinanti degli uomini [...]. Inoltre, le donne raramente sono rappresentate sullo schermo oggigiorno, tranne che come tette. Vuoi fare un milione di dollari? Scoprire la più grande Star di tutti i tempi? Sii il primo a venir fuori con una bella ragazza con le tette quadre! Mi sembra che sia questo quello che stanno cercando. Perché altrimenti la ghiandola mammaria femminile dovrebbe aver rimpiazzato il telefono che squilla come l'inserto più fotografato nei film?
 
==Senza fonte==
 
==[[Film]]==
*''[[Eva contro Eva]]'' (1950) - regia e sceneggiatura
 
==Bibliografia==
Utente anonimo