Differenze tra le versioni di "Edmond Rostand"

m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici"
m (Automa: Correzione automatica trattini in lineette)
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
==''L'Aiglon''==
===[[Incipit]]===
''a [[Benedetto Croce]]''<br><br>'''ATTO PRIMO<br>LE ALI CHE SPUNTANO'''<br>''A Baden, presso Vienna, nel 1830.<br>Il salotto della villa occupata da Maria Luisa. Vasta camera. In mezzo alla camera s'innalza'' la mongolfiera di cristallo, ''stile Impero. Mobili chiari, muri a fresco, d'un verde pompeiano: il fregio del soffitto ha un motivo di sfingi''. [...]<br>''Un lacchè introduce dal verone una fanciulla dall'aria modesta, accompagnata da un ufficiale di cavalleria austriaca, un maraviglioso ussero blu e argento.<br>I due nuovi arrivati, vedendo che nessuno li nota, restano un attimo in piedi in un angolo del salotto. – Ed ecco, dalla porta di destra, entra il conte di Bombelles, attatto dalla musica. Si dirige verso il pianoforte, battendo il tempo. Ma, scoprendo la fanciulla, si ferma, sorride, e va premurosamente verso di lei''.<br>SCENA I.<br>'''TERESA, TIBURZIO, BOMBELLES, MARIA LUISA, LE DAME D'ONORE'''.<br>'''LE DAME''', ''al cembalo, parlando tutte a un tempo,<br>e ridendo come folli'':Mancan tutti i bemolli! – Ma ciò è madornale!<br>– Io prendo il basso! – Un, due! – Arpa! – La... La... – Pedale. <br>'''BOMBELLES''', ''a Teresa'': Siete voi?<br>'''TERESA''': Sì, buongiorno Bombelles.<br>'''UNA DAMA''', ''al cembalo'': Sol... Sol... Mi.<br>'''TERESA''': Entro come lettrice oggi.<br>'''UN'ALTRA DAMA''', ''al cembalo'': Il bemolle qui!<br>'''TERESA''': E mercé vostra; grazie, Bombelles.<br>'''BOMBELLES''': Grazie di niente,<br>non siete francese un poco mia parente?<br>'''TERESA''', ''presntandogli l'ufficiale'': Tiburzio, mio fratello.<br>'''BOMBELLES''', ''tendendo la mano al giovine<br>e mostrando una poltrona a Teresa'': Sedete un poco.<br>'''TERESA''': Ahimè, <br>sono molto commossa!
===Citazioni===
*'''IL DUCA''': Pare.<br>(''Si ode la musica lontana di una danza'')<br>Un valzere, ascoltate!... Ed è quasi volgare.<br>Ma per [[via]] si nobilita... Quasi che, attraversando<br>la selva cara al vecchio musico venerando,<br>abbia intorno ad un elce o presso un ciclamino<br>incontrato lo [[spirito]] di [[Ludwig van Beethoven|Beethoven]] divino! (Atto I, Scena XIII, p. 78)
69 545

contributi