Differenze tra le versioni di "Aden"

7 byte rimossi ,  12 anni fa
m
sezione Jean Cocteau, interprogetto
(Nuova pagina; testo: 'Citazioni su '''Aden''' *Aden, porta dell'inferno, dove ci depongono quei fauni di marmo nero dai riccioletti biondi, dalle guance vermiglie, dalle narici, dalle labbra, d...')
 
m (sezione Jean Cocteau, interprogetto)
Citazioni su '''Aden'''.
 
*Aden, porta dell'[[inferno]], dove ci depongono quei fauni di marmo nero dai riccioletti biondi, dalle guance vermiglie, dalle narici, dalle labbra, dagli archi sopracciliari e dalle giunture delicati. ([[Jean Cocteau]])
==[[Jean Cocteau]]==
*Aden, valle dei lebbrosi. Miniera senza minerali. Calore del Sud più lugubre freddo del Nord, suolo infecondo che non si cura di produrre alcuna cosa. È un incrocio di razze e di merci, un luogo di convegno di aeroplani e di navi da [[guerra]], una caserma di sentinelle britanniche. ([[Jean Cocteau]])
*Aden, porta dell'[[inferno]], dove ci depongono quei fauni di marmo nero dai riccioletti biondi, dalle guance vermiglie, dalle narici, dalle labbra, dagli archi sopracciliari e dalle giunture delicati. ([[Jean Cocteau]])
*La [[bellezza]] affascina e stanca. Alla bruttezza ci si abitua e la si sposa, e quelli che amano Aden non vogliono più partire.<poem></poem>Come i capolavori escono dalla miseria, dalla solitudine, dalla mancanza di beni materiali, dalle ripulse accumulate, così Aden la deserta fa nascere purisangue umani di tutte le razze. ([[Jean Cocteau]])
*Aden, valle dei lebbrosi. Miniera senza minerali. Calore del Sud più lugubre freddo del Nord, suolo infecondo che non si cura di produrre alcuna cosa. È un incrocio di razze e di merci, un luogo di convegno di aeroplani e di navi da [[guerra]], una caserma di sentinelle britanniche. ([[Jean Cocteau]])
*Aden, anticamera dell'[[India]], magro luogo, scorpione, cactus, crogiuolo di razze enigmatiche, non offre risorsa alcuna né di mollezza né di [[grazia]]. È il contrario di [[Rodi]]. È senza speranza, estrema, amara, piantata nel [[mondo]] come un coltello. ([[Jean Cocteau]])
*La [[bellezza]] affascina e stanca. Alla bruttezza ci si abitua e la si sposa, e quelli che amano Aden non vogliono più partire.<poem></poem> Come i capolavori escono dalla miseria, dalla solitudine, dalla mancanza di beni materiali, dalle ripulse accumulate, così Aden la deserta fa nascere purisangue umani di tutte le razze. ([[Jean Cocteau]])
*Aden, anticamera dell'[[India]], magro luogo, scorpione, cactus, crogiuolo di razze enigmatiche, non offre risorsa alcuna né di mollezza né di [[grazia]]. È il contrario di [[Rodi]]. È senza speranza, estrema, amara, piantata nel [[mondo]] come un coltello. ([[Jean Cocteau]])
 
== Altri progetti ==
{{Interprogetto|commons=Aden|w}}
 
[[Categoria:Città|Aden]]