Felice Ippolito: differenze tra le versioni

m
tolgo collegamenti non pertinenti, titoli superflui
mNessun oggetto della modifica
m (tolgo collegamenti non pertinenti, titoli superflui)
==''La politica del CNEN''==
===[[Incipit]]===
''Lineamenti tecnici dell'[[energia]] nucleare''<br>A coloro di cultura non tecnica che intendano avvicinarsi ai problemi dell'energia nucleare si richiede una conoscenza specifica, anche se ovviamente limitata alle linee esenzialiessenziali, degli aspetti peculiari di una materia che difficilmente trova analogie negli altri settori tecnologici moderni. Significativa, a tal proposito, è l'attribuzione degli appellativi « tradizionale » o « convenzionale » a settori e a tecniche aggiornatissime e tuttora pienamente valide, qualora vengano in considerazione nel loro contrapposto al settore e alle tecniche nucleari.
 
===Citazioni===
*Non dirò cosa nuova per nessuno avvertendo che il maggior problema tecnico creato dall'impiego pacifico dell'[[energia nucleare]] è quello derivante dal pericolo di contaminazione radioattiva tanto del personale, quanto, in caso di incidenti, dei territori circostanti e delle popolazioni che vi dimorano. (p. 15)
*Allorché si parla di energia nucleare si pensa a varie applicazioni pratiche di questa nuova fonte energetica: applicazioni alla ingegneria, alla medicina, all'industria e, infine, alla produzione di energia elettrica. (p. 78)
*[...] il ruolo, cui l'energia nucleare sarà chiamata nell'[[economia]] del Mezzogiorno, è fondamentale, perché essa, mettendo a disposizione in un [[futuro]] ormai prossimo quantitativi di energia notevoli a basso prezzo e senza aggravi notevoli per la bilancia dei pagamenti, permetterà di avviare a definitiva soluzione la « questione meridionale » e consentirà l'inserimento del Mezzogiorno nella più vasta comunità italiana ed europea, in condizioni di parità. Perché se il Mezzogiorno è povero di risorse naturali, energetiche e minerarie, mediante l'energia nucleare esso potrà e dovrà crearsi un'industria, segnatamente produttrice di beni di consumo e, attraverso un programma pianificato a lunga scadenza, potrà inserirsi nello sforzo produttivo dell' [[Europa]] riscattando il proprio peccato d'origine. Quando ciò sarà realizzato, se avremo le capacità e la disciplina di realizzarlo, potremo dire che il genio dell'[[uomo]] avrà vinto una grande [[battaglia]] contro le forze avverse della [[natura]] e allora finalmente « [[Gesù|Cristo]] non si è fermato a [[Eboli]] ».<ref>Cfr. [[Carlo_Levi#Cristo_si_.C3.A8_fermato_a_Eboli|Carlo Levi]].</ref> (p. 142)
 
==Note==
<references/>
 
==Bibliografia==
*Felice Ippolito, ''La politica del CNEN'', Il Saggiatore, [[Milano]], 1965.
 
==Altri progetti==