Differenze tra le versioni di "Hunter Stockton Thompson"

già in bibliog.
m (correggo titolo sezioni explicit)
(già in bibliog.)
===[[Explicit]]===
Sala ha ordinato ancora da bere e Sweep ha portato altri quattro rum, dicendo che quelli li offriva la casa. L'abbiamo ringraziato e siamo rimasti seduti un'altra mezz'ora, zitti. Nel porto sentivo il batacchio della campanella di una nave che attraccava il pontile, e da qualche parte in città una motocicletta sfrecciava nelle viuzze, echeggiando fin su in collina, in Calle O'Leary. Nella casa accanto le voci si alzavano e morivano e da un bar sulla strada è partito il suono rauco di un jukebox. I suoni di una notte a San Juan, che si perdono attraverso la città negli strati di aria umida; suoni di vita e di movimento, gente che si prepara e gente che si arrende, il suono di chi spera e il suono di chi tiene duro, e dietro a tutto questo, il placido mortale ticchettio di migliaia di migliaia di orologi, il suono solitario del tempo che passa in una lunga notte caraibica.
 
{{NDR|Hunter Stockton Thompson, ''Cronache del rum'' (''The Rum Diary''), traduzione di Marco Rossari, Baldini & Castoldi, Milano, 2007. ISBN 9788860731104}}
 
==Bibliografia==
20 331

contributi