Diritto: differenze tra le versioni

236 byte aggiunti ,  14 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (→‎Proverbi italiani: aggiunti proverbi (da voce "diritti"))
Nessun oggetto della modifica
*Naturalmente ho capito ben presto che la legge, così come le ricette di cucina, non è un algoritmo: ossia una sequenza formale di istruzioni non ambigue e prive di arbitrio che, applicate a situazioni identiche, conducono inevitabilmente ai medesimi risultati. La legge invece è molto più simile alla mayonnaise: richiede estro ed arte nel mescolare e trattare gli ingredienti, e non è detto che a parità di ingredienti e di trattamenti il risultato sarà sempre lo stesso. ([[Corrado Giustozzi]])
*Ogni riconoscimento di diritti si trascina dietro ciarpame simile – il sospetto perbenistico verso chi di quel diritto non vuole avvalersi. dai una casa a tutti i senzatetto, e chi si ostina a rifiutarla sembrerà a molti un tipo losco, un iperbarbone. ([[Tommaso Giartosio]])
*[...] quando due persone si amano, si appartengono per diritto divino. Quando il [[Gesù|Salvatore]] perdonò alla [[Prostituzione|adultera]] non giustificò forse nell'[[umanità]] il [[desiderio]] amoroso? ([[Carlo Maria Franzero]])
 
==[[Proverbi italiani]]==
15 808

contributi