Differenze tra le versioni di "Parmenide"

m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici"
m (Correzione trattini in lineette)
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici")
{{Nota disambigua|descrizione=il dialogo di Platone|titolo=[[Platone#Parmenide. {{!}} il Parmenide]]}}
[[Immagine:Sanzio 01 Parmenides.jpg|thumb|right|Parmenide ne ''La scuola di Atene'' di [[Raffaello Sanzio]]]]
'''Parmenide di Elea''' (in greco {{polytonic|Παρμενίδης}}, 515 a.C. – 450 a.C. circa), filosofo greco.
*Come infatti in ciascuno è avvenuta la mescolanza nelle membra molto erranti,<br>così negli uomini si ritrova la mente; infatti lo stesso<br>è ciò che negli uomini pensa la natura delle membra,<br>in tutti e in ognuno: difatti il di più è pensiero. (''frammento 16'')
*A destra i maschi, a sinistra le femmine... (''frammento 17'')
*Quando la femmina e il maschio mescolano insieme i semi di Venere,<br>la forza che si forma nelle vene da sangue diverso<br>plasma corpi ben costituiti se conserva l’equilibriol'equilibrio.<br>Infatti se mischiatosi il seme le forze contrastano<br>e non formano un’unitàun'unità nel corpo mescolato, crudeli<br>tormenteranno il sesso che nasce col duplice seme. (''frammento 18'')
*Così secondo opinione nacquero queste cose e ora sono<br>E da ora in poi cresceranno e avranno un termine;<br>ad esse gli uomini posero un nome come distintivo per ciascuna. (''frammento 19'')
 
69 545

contributi