Differenze tra le versioni di "Eric Berne"

nessun oggetto della modifica
L'osservazione dell'attività sociale spontanea, condotta in maniera particolarmente produttiva in certi gruppi di psicoterapia, rivela che ogni tanto la gente muta atteggiamenti, punti di vista, voce, vocabolario e altri aspetti del comportamento. Insieme col comportamento spesso cambia anche il modo di sentire. In un determinato individuo, un certo tipo di comportamento corrisponde ad un particolare stato psichico, mentre un altro è in rapporto con un atteggiamento psichico diverso, spesso incompatibile con il primo. Questi cambiamenti e differenze suggeriscono il concetto di ''stati dell'io''.
 
=="Ciao!" ...E poi?==
===Incipit===
Cosa dici dopo aver salutato? Questa domanda infantile, apparentemente così ingenua e priva della profondit9 che ci si attende da una ricerca scientifica, in realt9 porta in sé tutti i problemi che sono alla base del vivere umano, e tutti problemi fondamentali delle scienze sociali. &Egrave; la domanda che "si pongono" i bambini, è la stessa in merito alla quale i ragawwini imparano ad accettare risposte disoneste, è la domanda che gli adulti eludono dando per buone le loro migliori risposte mistificanti, è quella su cui vecchi ed eruditi filosofi scrivono libri senza mai trovare la risposta. In essa è implicita sia la principale domanda della psicologia sociale: "Perché la gente si parla?", sia la principale domanda della psichiatria sociale: "Perché alla gente piace piacere?"<br/>
296

contributi