Differenze tra le versioni di "Don Camillo e l'onorevole Peppone"

nessun oggetto della modifica
m
|
sceneggiatore=
[[Giovanni Guareschi]]
-
|
attori=
*[[Fernandel]]: Don Camillo
*[[Gino Cervi]]: Giuseppe "Peppone" Bottazzi
*[[Claude Sylvain]]: Clotilde Mari
*[[Leda Gloria]]: Maria Bottazzi, moglie di Peppone
*[[Umberto Spadaro]]: Bezzi
 
== Frasi ==
 
* Mi piacerebbe rivederetanto vedere il mio papà! che fa l'esame di quinta. ('''figlio di pepponePeppone''')
 
* Cosa crede che sparassero coi cannoni carichi a mortadella? ('''Peppone''')
* Venduto a Mosca! ('''Don Camillo''') {{NDR|Al proprio cane}}
 
* Cittadini, lavoratori... [...] Getteremo l'anima oltre l'ostacolo [...] per il solo bene del re e della patria, viva la repubblica! viva... l'esercito! ('''Peppone''') {{NDR|Incipit e fine del comizio di chiusura della campagna elettorale}}
 
* Signore, Peppone è stato eletto, certoah io mi ricordo ildel cero che vi ha portatoportò, per esser bello era bello, ma se basta un cero dadi un chilo per farsi eleggere deputato, [[Stalin]] con uno di una tonnellata si faceva eleggere [[papa]]. ('''Don Camillo''')
 
* Il sentimentalismo è un atteggiamento borghese indegno dello spirito proletario. ('''Peppone''')
* Ricordate, nel segreto della cabina elettorale Dio vi vede, e Stalin no! ('''Don Camillo''')
 
* Mi piacerebbe rivedere mio papà! ('''figlio di peppone''')
 
== Dialoghi ==
 
* '''Don Camillo''': Io, vedete, non posso assolutamente sopportare l'inganno, io avrò molti difetti, Signore, ma non quello di mentire e di turlupinare il prossimo, questo Fronte Indipendente è falso... <br />'''Gesù''': Come il tuo biglietto don Camillo. <br />'''Don Camillo''': Il mio biglietto? Quale biglietto? <br />'''Gesù''': Il biglietto da cinquemila che hai appioppato a Peppone. {{NDR|Per acquistargli una copia elettorale de [[L'Unità]]}} <br />'''Don Camillo''': L'avevo dimenticato, una distrazione, comunque sia con quei soldi falsi ci ho comprato delle falsità, il conto torna. <br />'''Gesù''': Rimarrebbero le quattromilanovecentosettantacinque lire buone che ti ha dato di resto Peppone, quelle dove le metti? <br />'''Don Camillo''': Beh, quelle posso anche accettarle come contributo volontario del Fronte Indipendente per le migliorie alla minestra dei poveri vecchi, naturalmente gli manderò una regolare ricevuta. {{NDR|Si sentono, fuori campo, degli slogan anticlericali del Fronte}} <br />'''Don Camillo''': Li sentite, Signore? Li sentite? Ma tanto non passeranno Dio non lo permetterà! <br />'''Gesù''': E allora sia fatta la volontà di don Camillo. <br />'''Don Camillo''': La vostra, Signore, la vostra.
* '''Peppone''': Voi non siete un uomo, siete un prete!<br />[...]<br />'''Don Camillo''': Allora stai attento che siamo in due, prima le pigli dall'uomo e poi le buschi dal prete!
 
* '''Peppone''': Voi non siete un uomo, voi siete un prete!<br{{NDR|Don Camillo gli pesta violentemente il piede}} Se siete un uomo aspettatemi fuori! {{NDR|Fuori dall'edificio scolastico alla fine dell'esame}} />[...]<br />'''Don Camillo''': AlloraD'accordo staima attentoguarda che siamo in due, prima le pigli dall'uomo e poi le buschi dal prete!
 
==Altri progetti==
Utente anonimo