Differenze tra le versioni di "Hunter Stockton Thompson"

m (+interwiki)
* Mi capitava di lavorare per tre giornali insieme. Scrivevo gli avvisi pubblicitari per i casinò e i bowling appena inaugurati. Facevo il consulente per il racket dei combattimenti fra galli, il critico gastronomico più corrotto dell'isola, il fotografo di yacht e la vittima preferita della polizia locale. Era un mondo avido e io ci sguazzavo. Ho fatto amicizia con un sacco di personaggi, avevo abbastanza soldi per spassarmela e ho capito un sacco di cose sul mondo che non avrei potuto imparare in nessun altro modo. (p. 16)
* Mi sono svaccato sulla sedia e ho ripreso a trincare. Il cuoco in cucina faceva un casino d'inferno e per qualche ragione il pianoforte si era zittito. Dall'interno arrivava una gnagnera in spagnolo, un sottofondo in incoerente a quei pensieri senza capo né coda. Per la prima volta ho avuto la sensazione di trovarmi in un Paese straniero, la vera distanza che avevo messo tra me e il mio ultimo domicilio. Non c'era motivo di sentirsi sotto pressione, ma non ci potevo fare niente: l'oppressione dell'afa e del tempo che passa, una tensione indolente che, nei posti dove la gente suda per ventiquattr'ore al giorno, continua a salire. (p. 41)
 
===Excipit===
Sala ha ordinato ancora da bere e Sweep ha portato altri quattro rum, dicendo che quelli li offriva la casa. L'abbiamo ringraziato e siamo rimasti seduti un'altra mezz'ora, zitti. Nel porto sentivo il batacchio della campanella di una nave che attraccava il pontile, e da qualche parte in città una motocicletta sfrecciava nelle viuzze, echeggiando fin su in collina, in Calle O'Leary. Nella casa accanto le voci si alzavano e morivano e da un bar sulla strada è partito il suono rauco di un jukebox. I suoni di una notte a San Juan, che si perdono attraverso la città negli strati di aria umida; suoni di vita e di movimento, gente che si prepara e gente che si arrende, il suono di chi spera e il suono di chi tiene duro, e dietro a tutto questo, il placido mortale ticchettio di migliaia di migliaia di orologi, il suono solitario del tempo che passa in una lunga notte caraibica.
 
{{NDR|Hunter Stockton Thompson, ''Cronache del rum'' (''The Rum Diary''), traduzione di Marco Rossari, Baldini & Castoldi, Milano, 2007. ISBN 9788860731104}}
Utente anonimo