Differenze tra le versioni di "Mary Shelley"

(maurice)
Pietroburgo, 11 dicembre 17--
 
Ti rallegrerai nell'apprendere che nessun disastro ha accompagnato l'inizio di un impresa alla quale tu guardavi con tanti cattivi presentimenti. Sono arrivato qui ieri, e la prima preoccupazione è stata di rassicurarti, cara sorella, sul fatto che sto bene e che nutro fiducia crescente verso quanto ho intrapreso. Sono già molto più a nord di [[Londra]], e mentre cammino per le strade di Pietroburgo sento una fredda brezza di settentrione che mi sfiora le guance, mi rinvigorisce i nervi e mi riempie di [[gioia]]. Puoi capire questo mio sentimento?
 
{{NDR|Mary Shelley, ''Frankenstein'', traduzione di Chiara Zanolli e Laura Caretti, Oscar Mondadori, Milano 2006.}}
Utente anonimo