Differenze tra le versioni di "Herbert Marcuse"

m
agiunto link; spostata immagine
m (sistemo fonte)
m (agiunto link; spostata immagine)
'''Herbert Marcuse''' (1898 – 1979), filosofo statunitense di origine tedesca.
[[Immagine:Herbert Marcuse in Newton, Massachusetts 1955.jpeg|thumb|leftright|200px|Herbert Marcuse]]
 
*È mai possibile tracciare una vera distinzione tra i mezzi di comunicazione di massa come strumenti di informazione e di divertimento, e come agenti di manipolazione e di indottrinamento? (da ''L'uomo a una dimensione'')
*Nove decimi di tutti i critici [[letteratura|letterari]] andrebbero impiccati.
*Pensare è uno sforzo, credere un lusso.
*Ripeto: ''la follia del tutto giustifica le follie particolari e trasforma i delitti contro l'umanità in un'impresa razionale''. Quando il popolo, stimolato ad arte dalle autorità pubbliche e private, si prepara a vivere in regime di mobilitazione generale, esso mostra d'esser ragionevole non soltanto a causa della presenza del Nemico, ma pure a causa delle possibilità di investimento e d'occupazione offerte dall'[[industria]] e dalle attività di divertimento. Anche i calcoli più folli appaiono razionali: annientare cinque milioni di persone è preferibile che non annientarne dieci milioni, o venti, e così via. E' futile obbiettare che una civiltà che giustifica la propria difesa con un calcolo del genere proclama la propria fine. (da ''L'uomo a una dimensione'', 1964)
 
== Altri progetti==
3 700

contributi