Moses Israel Finley: differenze tra le versioni

no stub
(no stub)
 
==Citazioni di Moses Finley==
*È stato detto che [[Sparta]] ebbe due storie distinte, quella propria e quella della sua immagine all'esterno (o del «miraggio», come la chiama uno studioso francese). Se si considera quanto fu scritto su Sparta nell'antichità, il quadro è sorprendentemente confuso, contraddittorio e incompleto.<ref>Da ''Gli antichi greci'' (''The Ancient Greeks''), traduzione di Fausto Codino, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino, 1965, cap. IV, p. 76.</ref>)
 
*Senza dubbio egli {{NDR|[[Erodoto]]}} aveva meritato il titolo di «padre della storia». Ed era anche un grande artista, ciò che non si può dire per molti dei suoi successori. I quali non erano neppure grandi storici. <ref>Da ''Gli antichi greci'', ''cit'', (cap. V, p. 105.</ref>)
 
*Uno che capì le cose fu l'ateniese [[Tucidide]]. Egli vide dove Erodoto voleva realmente arrivare: a scoprire i motivi fondamentali della condotta umana mediante un'esposizione delle cause e dell'andamento di una grande guerra<ref>La guerra del Peloponneso.</ref>, non come facevano i poeti con la loro libertà d'immaginazione, né astrattamente come facevano i filosofi nei loro discorsi sull'uomo e la società, ma concretamente, con esattezza e con la dovuta attenzione per i nessi e le concatenazioni.<ref>Da ''Gli antichi greci'', ''cit'', (cap. V, p. 105.</ref>)
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==
*Moses I. Finley, ''Gli antichi greci'' (''The Ancient Greeks''), traduzione di Fausto Codino, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino, 1965.
 
==Altri progetti==
{{interprogetto}}
 
{{stub}}
 
{{DEFAULTSORT:Finley, Moses Israel}}
37 833

contributi